Skip to content

Dalla violenza sui minori alla violenza dei minori: il bullismo

Informazioni tesi

  Autore: Carmela Prudente
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Bari
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Marilena Colamussi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 207

Sempre più frequenti sono le notizie di cronaca che ci informano circa il dilagarsi incessante di episodi di "baby-criminlità". Episodi che spaziano dai giovani assassini dei propri genitori a violentatori adolescenti di bambine, da spietati "baby killers" a prevaricanti manifestazioni di bullismo. Ed è proprio quest’ultimo che invade la vita di numerosi adolescenti. Sebbene il termine non sia ancora stato inserito nel vocabolario di noi italiani, i suoi effetti possiamo già sentirli.
Il bullismo sembra trovare terreno fertile soprattutto nell’ambiente scolastico, luogo di abituale frequentazione da parte di giovani e giovanissimi, che spesso provano soddisfazione e compiacimento nel prevaricare i coetanei più deboli o indifesi usandogli prepotenze di ogni genere o sorta. La legislazione italiana sembra aver sentito solo ultimamente il forte disagio provocato da tale fenomeno e proprio in virtù degli ultimi episodi eclatanti che hanno scosso la pubblica opinione ci si sta muovendo in tal senso applicando per analogia la normativa in materia di mobbing. Recente è la direttiva ministeriale n. 16 del 5 febbraio 2007 del ministro della pubblica istruzione Giuseppe Fioroni che si traduce in una lotta per la prevenzione al bullismo dentro e fuori le mura scolastiche. Punto di forza dell’intero documento è rappresentato dalla valorizzazione del ruolo degli insegnanti, che insieme alla famiglia dovrebbero essere uno dei punti di riferimento più autorevoli a disposizione degli adolescenti.
Ma non solo. La direttiva si sforza di intervenire con particolari iniziative nel settore della comunicazione, atte a prevenire il disagio giovanile, coinvolgendo il Ministro dell’Interno e la Polizia Postale. Promuove l’istituzione di osservatori regionali permanenti per monitorare il fenomeno e crea un portale internet (www.smontailbullo.it) e un numero verde nazionale per aiutare i minori in difficoltà. E come se il bullismo non bastasse, una nuova minaccia mette a dura prova gli adolescenti, il "cyberbullismo" ovvero una vera e propria aggressione sociale on-line che si concretizza con l’invio di contenuti offensivi attraverso cellulari e internet.
L’attenzione viene catapultata sulle problematiche che colpiscono i minori, non più solo vittime di reati, ma anche scaltri fautori di questi ultimi. Vengono focalizzati maggiormente i complessi profili psicologici dei soggetti interessati, puntando all’individuazione dei possibili fattori di rischio che ne hanno determinato l’aspetto deviante.
Ma quale politica bisogna adottare per placare il divampare sregolato di questa pratica? La linea dura seguita dagli Stati Uniti e da alcune nazioni europee può essere una soluzione efficace al problema? Oppure è meglio puntare sulla mediazione?
Tra prospettive di riforma e misure alternative alla repressione, ecco un’analisi dell’insieme del bullismo dove la prevenzione della devianza scatenante il caso, sembra essere l’epilogo più felice.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
IV PREMESSA Sempre più frequenti sono le notizie di cronaca che ci informano circa il dilagarsi incessante di episodi di “ baby-criminlità ”. Episodi che spaziano dai giovani assassini dei propri genitori a violentatori adolescenti di bambine, da spietati “ baby killers ” a prevaricanti manifestazioni di bullismo. Ed è proprio quest’ultimo che invade la vita di numerosi adolescenti. Sebbene il termine non sia ancora stato inserito nel vocabolario di noi italiani, i suoi effetti possiamo già sentirli. Il bullismo sembra trovare terreno fertile soprattutto nell’ambiente scolastico, luogo di abituale frequentazione da parte di giovani e giovanissimi, che spesso provano soddisfazione e compiacimento nel prevaricare i coetanei più deboli o indifesi usandogli prepotenze di ogni genere o sorta. La legislazione italiana sembra aver sentito solo ultimamente il forte disagio provocato da tale fenomeno e proprio in virtù

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

bullismo
bullo
criminalità minorile
cyberbullsmo
d.p.r. n.448 del 1998
de-carcerazione
devianza
direttiva ministeriale n.16/2007
diritto minorile
fattori di rischio
irrilevanza del fatto
istituti per minorenni
mediazione in ambito scolastico
mediazione penale
messa alla prova
mobbing adolescenziale
nuovo processo minorile
osservatori regionali permanenti
perdono giudiziale
prevaricazione
sospensione del giudizio
teorie abolizionistiche
violenza minorile

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi