Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La disoccupazione in Campania

In questo lavoro è stato analizzata la dinamica del mercato del lavoro nel Mezzogiorno e in Campania. In sede introduttiva spiegheremo la disoccupazione dal punto di vista della teoria economica attraverso un breve richiamo delle idee, neoclassiche e keynesiane, sulla disoccupazione. La seconda parte del lavoro sarà dedicata al dualismo Nord-Sud, da essa emergerà il divario nel tasso di disoccupazione.
Successivamente concentreremo l'attenzione sulla disoccupazione nelle province della Campania, ovvero di Avellino, Napoli, Benevento; Caserta e Salerno. Per dare un idea più precisa del mercato del lavoro campano ci siamo serviti dell'ausilio di alcuni indicatori statistici, come il tasso di occupazione, di disoccuppazione e di attività.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 Introduzione In questo lavoro sono state analizzate le dinamiche del mercato del lavoro nel Mezzogiorno ed in Campania, in particolare è stato approfondito il tema della disoccupazione. In sede introduttiva spiegheremo la disoccupazione dal punto di vista della teoria economica attraverso una trattazione delle idee, neoclassiche e Keynesiane, sulla disoccupazione. In specifico si vedrà che nel modello neoclassico la disoccupazione appare come un fenomeno transitorio, mentre in quello keynesiano si presenta come fenomeno normale, non esistendo meccanismi automatici in grado di riportare il sistema ad una situazione di pieno impiego. Preliminarmente si darà anche una definizione della disoccupazione indicando in che modo essa viene misurata dall’Istat e, successivamente, verrà descritta la disoccupazione tecnologica. La seconda parte di questo lavoro sarà dedicata al dualismo Nord-Sud, nella quale emerge il divario nel tasso di disoccupazione. Questo divario è andato crescendo a partire dagli anni settanta, subendo un’accellerazione considerevole intorno alla metà degli anni ottanta, esso si presenta come un fenomeno antico e quantitativamente grave, in quanto segue perlopiù le linee del dualismo economico tra le regioni del Centro-Nord e le regioni del Sud. Emerge un’ipotesi che riconduce l’aumento dei tassi di disoccupazione nelle regioni meridionali al fatto che i salari non rispondono alle condizioni locali del mercato del lavoro (produttività e disoccupazione), bensì, alle condizioni

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Vincenza Braco Contatta »

Composta da 109 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3318 click dal 22/01/2008.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.