Skip to content

''Razionalità'' e ''ragionevolezza'' in John Rawls

Informazioni tesi

  Autore: Antonella Mainardis
  Tipo: Diploma di Laurea
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi di Trieste
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Scienze dell'Educazione
  Relatore: Fulvio Longato
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 55

Questa riflessione ha come interesse la risposta data da Rawls alla complessa questione di come sia possibile una società giusta e stabile di cittadini liberi ed eguali, pur profondamente divisi da dottrine religiose, filosofiche e morali contrastanti tra loro, perfino incompatibili.
La complessità del pensiero rawlsiano si stempera con evoluzioni e modifiche nel tentativo, per molti il meglio riuscito nell’ambito della filosofia politica, di offrire uno strumento teorico, che permetta di definire un orizzonte plausibile di convivenza pacifica internazionale, “prendendo sul serio” il fatto del pluralismo e della reciproca dipendenza. Si tratta, dunque, di un percorso, quello di Rawls, che porta l’autore a chiarire tesi centrali, già formulate nell’opera considerata ormai classica A Theory of Justice e poi riprese in Political Liberalism, per arrivare al saggio The Law of Peoples, sostenendo, con raro coraggio intellettuale, una teoria della giustizia internazionale, nel quadro di un’utopia realistica di valore politico.

Lo scopo che mi prefiggo, dunque, è quello di offrire alcuni spunti di riflessione, che ovviamente fanno parte di una discussione molto più ampia, focalizzando però l’attenzione su due idee, che lo stesso autore considera fondamentali nella sua proposta: quella di “ ragionevole” e di “razionale”.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1Cap. 1 Essere ragionevolmente razionali Come lo stesso autore spiega, “le persone sono ragionevoli per un certo aspetto di base quando, fra uguali, sono disposte a proporre dei principi e dei criteri che facciano da equi termini di cooperazione e a rispettarli volontariamente, una volta sicure che anche gli altri faranno lo stesso. Esse ritengono inoltre che sia ragionevole per tutti accettare tali norme e che di conseguenza, queste siano giustificabili anche per loro; e sono pronte a discutere gli equi termini proposti dagli altri. Il ragionevole è un elemento dell’idea di società come sistema di equa cooperazione, e la clausola che l’accettazione degli equi termini di questa cooperazione sia ragionevole per tutti rientra nell’idea di reciprocità a esso associata“ [Rawls, 1994, p. 58]. La persona razionale, invece, persegue fini ed interessi specifici e del singolo soggetto, attraverso i mezzi più efficaci, ciò non significa che abbia solo interessi egoistici, ma sicuramente manca il desiderio di impegnarsi in un’equa cooperazione, in quanto tale. D’altro canto, l’agente ragionevole si distingue da quello semplicemente altruista, in quanto egli, al di là dell’apertura all’altro, ha comunque interessi razionali che spera di soddisfare. L’autore sottolinea, dunque, come il ragionevole possa essere considerato come base per l’apertura all’altro, per un agire orientato all’intesa: “è grazie al ragionevole che entriamo nel mondo pubblico degli altri, pronti a proporre o ad accettare, a seconda dei casi, principi ragionevoli che specifichino equi termini di cooperazione” [Rawls,1994, p. 109]. Questa idea è, però, complementare a quella di razionale, l’una non potrebbe darsi senza l’altra. Infatti, “agenti puramente ragionevoli non avrebbero scopi propri da promuovere attraverso un’equa cooperazione, agenti puramente razionali non hanno il senso della giustizia e non sanno riconoscere la validità indipendente delle pretese altrui“ [Rawls,1994, p. 60]. E’ dunque al “ragionevole” che risulta indispensabile ricorrere per rendere possibile la cooperazione sociale, dal momento che, le persone disposte a cooperare nel dominio del ragionevole si riconoscono mutuamente come partners della cerchia della comune lealtà civile . A questo proposito, va ricordato come una delle idee centrali di Rawls, nell’ambito della sua teoria della giustizia come equità, sia la ripresa, anche se con alcune modificazioni, dello strumento

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

filosofia
ragionevolezza
rawls john
razionalità
razionalità e ragionevolezza
teoria della giustizia

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi