Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'utilizzo ai fini tributari degli elementi probatori raccolti in violazione dei poteri istruttori

L’attività di verifica, quale estrinsecazione dell’attività di controllo, presuppone l’esistenza di un corpus di poteri autoritativi in capo all’Amministrazione finanziaria che le consentono di penetrare la sfera giuridica dei contribuenti.
Tale necessaria incisione delle situazioni giuridiche non può però non provocare restrizioni in danno dei diritti ed interessi del soggetto sottoposto a controllo.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 Capitolo I LA VERIFICA FISCALE 1.1. La verifica fiscale: definizioni e princìpi generali Nell’ambito dell’ordinamento tributario vigente non si rinviene alcuna definizione espressa di “verifica fiscale”. In prima approssimazione, la si può genericamente definire come il complesso delle attività, svolte da soggetti giuridicamente qualificati, intese a controllare il regolare adempimento delle norme tributarie. Sicuramente più dettagliate sono le definizioni che a tale concetto for- niscono le varie circolari emanate dal Comando Generale del Corpo della Guardia di Finanza che, succedutesi nel tempo, hanno contribui- to a regolamentare gli scopi, le modalità e le procedure inerenti l’attività in argomento (circ. n. 1/76, successivamente rielaborata nelle circ. nn. 1/81 ed 1/88). A far data dal 1° gennaio 1999, infatti, è segui- ta l’ultima circolare di tale successione, la n. 360000 datata 20 ottobre 1998, denominata ”Istruzione sull’attività di verifica” ma convenzio- nalmente nota come la circolare n. 1/98, la cui realizzazione si è resa necessaria per via delle rilevanti novità introdotte nel sistema tributa- rio ad opera del legislatore, sia di carattere sostanziale sia procedurale

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Fabio Colabufo Contatta »

Composta da 156 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1238 click dal 29/01/2008.

 

Consultata integralmente 9 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.