Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Un tema di governance ambientale: rapporto tra amministrazioni pubbliche e cittadini in materia di raccolta differenziata.

L’oggetto di questo studio analizza il rapporto fra le pubbliche amministrazioni e i cittadini in materia di raccolta differenziata. I bacini d’utenza considerati riguardano venti amministrazioni locali site nella provincia di Bergamo; la loro scelta è stata strutturata in base alla loro percentuale di raccolta differenziata riscontrata al 31 dicembre 2005 ed è stata effettuata mediante la consultazione del sito osservatorio rifiuti della Provincia.
Inizialmente si è proceduto all’analisi dell’attuale sistema di raccolta dei rifiuti urbani valutandone i risultati in merito al raggiungimento degli obiettivi di raccolta differenziata fissati dalla legge. Successivamente si è passati ad analizzare le differenti modalità di raccolta e riciclaggio dei rifiuti urbani e i metodi assunti dalle diverse realtà locali in materia di incentivazione alla raccolta differenziata.

Mostra/Nascondi contenuto.
Un tema di governance ambientale: amministrazioni locali, cittadini e raccolta dei rifiuti 3 INTRODUZIONE L’oggetto di questo studio analizza il rapporto fra le pubbliche amministrazioni e i cittadini in materia di raccolta differenziata 1 (d’ora in avanti RD). I bacini d’utenza considerati riguardano venti amministrazioni locali site nella provincia di Bergamo; la loro scelta è stata strutturata in base alla loro percentuale di raccolta differenziata riscontrata al 31 dicembre 2005 ed è stata effettuata mediante la consultazione del sito osservatorio rifiuti della Provincia (Osservatorio rifiuti, 2005). La Provincia stessa tramite proprie strutture organizzative cura la raccolta, la validazione, l’elaborazione, l’archiviazione e la trasmissione all’Osservatorio regionale 2 dei dati inerenti ai servizi di raccolta, smaltimento e recupero delle varie frazioni di rifiuti urbani 3 . Inizialmente si è proceduto all’analisi dell’attuale sistema di raccolta dei rifiuti urbani, valutandone i risultati in merito al raggiungimento degli 1 La raccolta differenziata svolge un ruolo prioritario nel sistema di gestione integrata dei rifiuti in quanto consente, da un lato, di ridurre il flusso dei rifiuti da avviare allo smaltimento e, dall’altro, di condizionare in maniera positiva l’intero sistema di gestione. Essa consente: - la valorizzazione delle componenti merceologiche dei rifiuti sin dalla fase della raccolta; - la riduzione della quantità e della pericolosità dei rifiuti da avviare allo smaltimento indifferenziato, individuando tecnologie più adatte alla gestione e minimizzando l'impatto ambientale dei processi di trattamento e smaltimento; - il recupero di materiali e di energia nella fase di trattamento finale; - la promozione di comportamenti più corretti da parte dei cittadini, con conseguenti cambiamenti dei consumi, a beneficio delle politiche di prevenzione e riduzione. 2 Questa competenza era stata attribuita dalla L.R. 21/93 ed è stata confermata dalla nuova L.R. 26 del 16.12.03, che ha abrogato la L.R. 21/93. 3 Quando un oggetto o un materiale ha finito di svolgere il compito per il quale è stato creato o perde la sua funzionalità viene chiamato rifiuto. La legislazione in materia di regolamentazione delle attività relative ai rifiuti, sia essi urbani, speciali o tossico nocive, suggerisce una prima definizione: per rifiuto si intende qualsiasi sostanza o oggetto di cui il detentore si disfi o abbia deciso o abbia l'obbligo di disfarsi. Quindi occorre adottare politiche che garantiscano il riutilizzo, il riciclo, la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti.

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Michela Soldi Contatta »

Composta da 104 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1045 click dal 06/02/2008.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.