Skip to content

Uomini o colpevoli? Il tribunale militare del XXIV corpo d'armata nel 1917

Informazioni tesi

  Autore: Luca De Clara
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1997-98
  Università: Università degli Studi di Trieste
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Storia
  Relatore: Simonetta Ortaggi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 299

Ancora oggi la manualistica di settore spesso elude il problema della giustizia militare italiana nel primo conflitto mondiale. Ci si accontenta di citare rari studi (e per questo non meno preziosi) che, a partire dalla fine degli anni Sessanta, e da allora sempre con il contagocce, hanno provato a togliere il velo d’oblio che su questa importante pagina di storia era inopportunamente calato, o di cui addirittura si ignorava apertamente l’esistenza. Dopo lo studio pionieristico di Forcella e Monticone ben pochi altri, infatti, si sono spinti lungo questo strada: Bruna Bianchi e Giovanna Procacci in testa.
Il tema è uno di quelli che gli storici hanno spesso evitato di battere perché delicato e non facile da far digerire, potenzialmente in grado di riaprire una piaga ancora aperta, quale quella del ruolo delle classi dirigenti nella gestione della guerra, ma soprattutto di mettere in discussione un’istituzione fondamentale come l’esercito. Di dimostrare che la “Vittoria”, che con i suoi tanti nomi e simulacri riempie ancora oggi le nostre vie e le nostre piazze, aveva dei lati oscuri che andavano ben oltre il fantasma di Caporetto.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
14 La guerra è lassù Estate 1917. L’Italia è in guerra da poco più di due anni. Anni duri, per l’esercito e per tutta la nazione. Anni di morti come non se ne erano mai visti, di retorica sparsa a fiumi, di attacchi frontali e di successi solo parziali. Le spallate di Cadorna hanno lasciato il fronte pressoché allo stesso punto in cui si trovava due anni prima: l’avanzata entusiastica del maggio 1915 si era bloccata alle prime balze del Carso; in Trentino si era addirittura tornati indietro rispetto al confine originario. Gli stessi nemici, con sarcastica ironia, continuavano a denominare gli scontri violenti che avevano luogo sul nostro fronte orientale come “battaglie dell’Isonzo”, per far capire che da quel fiume non ci si era allontanati poi così tanto. 1 Il 12 maggio 1917 aveva avuto inizio la decima di queste “battaglie dell’Isonzo”: vi parteciparono 38 divisioni dell’esercito italiano con circa 2000 cannoni di medio e grosso calibro. Fallita l’avanzata nella tremenda fase frontale iniziale, la battaglia si esaurirà in una cruenta azione di logorio che solo il 28 dello stesso mese il comandante in capo riuscirà a troncare. I successi territoriali saranno irrisori, e ben presto annullati da un’azione di alleggerimento condotta dai nemici. Il tributo di sangue sarà invece elevatissimo, superando le centomila perdite: si tratterà della battaglia più sanguinosa tra quelle combattute dall’esercito italiano nel primo conflitto mondiale. E il paese? L’entusiasmo iniziale nella vittoria facile e immediata era venuto man mano attenuandosi. Tra la primavera e l’estate del 1917 molti soldati erano stati finalmente mandati in licenza, alcuni anche dopo quasi due anni di ininterrotto servizio al fronte. Il sospirato foglio di licenza che gli veniva consegnato conteneva per loro

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

autolesionismo
caporetto
disertori
diserzione
forcella
fronte italiano
insubordinazione
monticone
pradamano
prima guerra mondiale
processi militari
rivolta
tribunali militari

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi