Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Analisi del fenomeno del cineturismo. Proposte per lo sviluppo di itinerari alternativi nel Veneto.

La tesi si propone di anallizzare il cineturismo nel mondo e in Italia con particolare attenzione agli aspetti di marketing utilizzati sia nella realizzazione di alcune produzioni audiovisive di successo, sia dalle varie parti coivolte nel fenomeno. L'ultima parte della tesi si concentra sul territorio del Veneto valutando se il fenomeno del cineturismo può essere un modo per sviluppare il turismo nella regione attraverso proposte realizzative.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione Nelle strategie di marketing turistiche il fenomeno del Cineturismo non viene generalmente considerato, anche se esso può essere una leva che consentirebbe di valorizzare meglio le cosiddette località minori, soprattutto quando queste siano già parte di un comprensorio con un’adeguata infrastruttura come nel caso del Veneto. Lo studio del Cineturismo è infatti relativamente recente e non sempre adeguatamente posizionato. Il Cinetursmo è inteso come quel fenomeno che comprende le visite turistiche ad un luogo o un’attrazione quale risultato della visione della destinazione in televisione o sugli schermi cinematografici come ambientazione di fiction, film o spot pubblicitari. I film non vengono realizzati per promuovere il turismo. Eppure, quando il film funziona in tutti i suoi elementi, ciò avviene spontaneamente, come si vedrà nel corso della tesi. Tale fenomeno complesso ha a che fare anche con la maniera con cui i luoghi vengono presentati nel contesto del prodotto audiovisivo, i temi del film, le sequenze, le relazioni tra i personaggi, ecc. Se gli elementi di ambientazione sono parte integrante del plot e contribuiscono al successo del prodotto, è evidente che i film e i programmi televisivi possono diventare un forte elemento di costruzione dell’identità di un luogo, di una città o di un territorio. Ma gli effetti di questi successi, per potersi tradurre in leve di comunicazione hanno bisogno di interventi, di strategie e di investimenti da parte degli enti locali coordinati e finalizzati alla valorizzazione tematica. Promuovere il territorio, significa innanzitutto creare le condizioni di riconoscibilità dell’identità culturale, paesaggistica e produttiva dell’area geografica, che altrimenti risulterebbero slegate e non coordinate. Tali identità si devono ritrovare all’interno del prodotto audiovisivo per far scattare l’identificazione della location, che altrimenti resterebbe anonima. Finalizzando la promozione di un territorio con eventi e politiche culturali che esaltino questi aspetti significa rafforzare il messaggio e attrarre il vasto potenziale della platea audiovisiva. Sostanzialmente, l’interesse per un’area può essere pilotato trasformando la zona in questione in un prodotto destinazione. In questo senso il termine “attrattività cinematografica” può essere inteso come parametro per valutare la forza di attrazione che l’area trattata esercita sul turista potenziale. In questo lavoro si considera il territorio come impresa, in quanto con l’uso di questa metafora è possibile scinderlo in varie componenti e gestirlo secondo i parametri dell’efficienza, dell’efficacia e dell’economicità. In questa maniera si può pensare a politiche di marketing coordinate fra le varie parti coinvolte esattamente come si potrebbe fare in una strategia di product placement.

Laurea liv.I

Facoltà: Economia e Gestione delle Arti e delle Attività Culturali

Autore: Anna Fandella Contatta »

Composta da 72 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3466 click dal 22/02/2008.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.