Skip to content

Bellezza femminile in pubblicità, tra idealizzazione e sfruttamento

Informazioni tesi

  Autore: Valentina Rossetti
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi di Urbino
  Facoltà: Sociologia
  Corso: Comunicazione e pubblicità per le organizzazioni
  Relatore: Paola Parmiggiani
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 128

Questo studio si incentra sulle rappresentazioni stereotipate della bellezza femminile utilizzate in pubblicità e su come possano influire negativamente sulla costruzione dell’identità.
Inizialmente verranno presentati contributi di studiosi sul rapporto tra corpo, e quindi bellezza, e società e su come gli individui vivono le condizioni di salute e malattia, mirando al raggiungimento di una forma fisica perfetta, come quella proposta dai mass media.
Verrà poi esposto per quale motivo tale tendenza sia ritenuta negativa per la società, in particolare per le nuove generazioni, poiché si ritiene che i messaggi pubblicitari dovrebbero incoraggiare un modello di comunicazione attento alla rappresentazione dei generi, rispettoso delle identità di donne e uomini, coerente con l'evoluzione dei ruoli nella società.
Da queste riflessioni si procederà poi alla presentazione di pubblicità nazionali e internazionali che offrono un’immagine simile e ormai consolidata di donna, dimostrando come la pubblicità troppo spesso non faccia altro che riproporre vecchi stereotipi femminili, non adeguati al ruolo che oggi riveste la donna all’interno della realtà sociale. Si vedrà come, spesso, la mancanza di creatività faccia ricadere nell’uso incondizionato del nudo femminile per attirare l’attenzione dei consumatori.
In seguito si evidenzierà che è in atto un cambiamento di tendenza e si analizzeranno tre casi differenti per tipologia e per area geografica, in particolare quello del modello alternativo di presentazione della bellezza femminile, proposto dalla campagna Dove Per la Bellezza Autentica, che rappresenta un cambiamento nell’uso della donna in pubblicità, partendo dalla consapevolezza che il confronto forzato con stereotipi irraggiungibili produce inevitabilmente un deficit di autostima.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione 5 Introduzione Questo studio si incentra sulle rappresentazioni stereotipate della bellezza femminile utilizzate in pubblicità e su come possano influire negativamente sulla costruzione dell’identità. Inizialmente verranno presentati contributi di studiosi sul rapporto tra corpo, e quindi bellezza, e società e su come gli individui vivono le condizioni di salute e malattia, mirando al raggiungimento di una forma fisica perfetta, come quella proposta dai mass media. Verrà poi esposto per quale motivo tale tendenza sia ritenuta negativa per la società, in particolare per le nuove generazioni, poiché si ritiene che i messaggi pubblicitari dovrebbero incoraggiare un modello di comunicazione attento alla rappresentazione dei generi, rispettoso delle identità di donne e uomini, coerente con l'evoluzione dei ruoli nella società. Partendo quindi alla teoria dell’apprendimento sociale di Albert Bandura, secondo cui l’apprendimento non implica esclusivamente il contatto diretto con gli oggetti, ma avviene anche attraverso esperienze indirette, sviluppate attraverso l’osservazione di altre persone, si analizzeranno i disagi che derivano dagli stereotipi della pubblicità. Bandura ha utilizzato il termine modellamento (modeling) per indicare l’apprendimento che si attiva quando il comportamento degli individui si modifica in funzione del comportamento dell’individuo osservato che ha funzione di modello. In questo caso si vuole dimostrare che i media in generale, e la pubblicità in particolare, tendono a diffondere l’ambizione di un “corpo ideale” e il tentativo di raggiungere uno standard troppo alto provoca disagi psicologici che portano a problemi fisici e sociali. L’immagine della donna, al pari di ogni altra immagine diffusa dai mass media, non è, evidentemente, il ritratto di una condizione reale, ma solo la rappresentazione simbolica di un modello che segue ideali e aspirazioni collettive, ma che risulta impossibile da raggiungere.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

about-face
bandura
bellezza
cause related marketing
commissione diritti e pari opportunità
comune di torino
comunicazione
comunicazione pubblicitaria
corpo
corpo flusso
corpo vetrina
donna
donne
dove
femminile
media
narcisismo
per la bellezza autentica
pubblicità
rapporto
rapporto mondiale
società
stereotipo
unilever

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi