Skip to content

Il consilium sapientis iudiciale: adattabilità e flessibilità di un istituto

Informazioni tesi

  Autore: Anna Bergamini
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2004-05
  Università: Università degli Studi di Verona
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Scienze giuridiche
  Relatore: Giovanni Rossi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 55

In questa tesi analizzo l'istituto del consilium sapientis iudiciale, come base dell'attuale sistema giuridico, nella sua evoluzione storica, fino all'avvento dei Grandi Tribunali e la comparsa delle norme scritte. Nell'ultimo capitolo, il consilium viene messo a confronto, in un'ottica comparatistica, con il rinvio pregiudiziale alla Corte di Giustizia delle Comunità Europee ex art. 234 Trattato CE, evidenziando come i due istituti abbiano molti elementi in comune ed avanzando una teoria per la quale il rinvio ex art. 234 può essere visto come una sorta di evoluzione naturale del consilium, mettendone ancor più in evidenza la struttura adatta alle trasformazioni temporali.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 CAPITOLO PRIMO CARATTERI GENERALI DELL’ISTITUTO “CONSILIUM SAPIENTIS IUDICIALE” 1.1 Una definizione - 1.2 Elementi costitutivi del consilium sapientis iudiciale 1.1 Una definizione L’ istituto del consilium sapientis iudiciale si diffuse e prosperò in Italia a partire dal XII secolo ed ebbe larga fortuna, soprattutto nel periodo che va dal XII al XV secolo, nella giurisprudenza medievale. Si tratta di una tendenza, da parte dei giudici, di chiedere il parere (consilium) di un giurisperito (sapiens), prima di pronunciare la sentenza e di uniformarvi la propria pronuncia. In una definizione di Ascheri la sentenza così pronunciata viene considerata come “frutto non tanto dell’autonomo accertamento e convincimento del giudice, quanto di fatti esterni o di deposizioni altrui particolarmente qualificate” 1 ; si nota, quindi, come il consilium sia un atto intimamente collegato con il processo, destinato ad incidere profondamente sul contenuto della sentenza. Questa influenza è più marcata ove la funzione giudicante sia esercitata pro tempore da giudici venuti da altre città i quali, non avendo una conoscenza approfondita degli statuti cittadini, preferivano avvalersi delle opinioni dei dotti del luogo, che erano muniti di una buona preparazione sul piano tecnico, potendo così offrire al giudice forestiero efficaci strumenti ermeneutici di pronto impiego e di buona affidabilità. 2 Partendo da questi primi elementi di analisi si potrebbe configurare il consilium come un tutt’uno con la sentenza; accogliendo la tesi del Roberti, infatti, la funzione del giudice si riduce nel ripetere alle parti il parere scritto dal sapiente. 3 Tuttavia, il consilium non si può identificare con la sentenza, ma con una parte di essa che, inserita in quella, perde la sua individualità, quella parte che oggi chiameremmo parte dispositiva, un mezzo che possa suggerire al giudice “qualiter ferenda sit sententia 1 M. ASCHERI, Diritto Medievale e Moderno – Problemi del processo, della cultura e delle fonti giuridiche, Rimini, Maggioli Editore, 1991, p. 195 2 G. ROSSI Teoria e prassi nel maturo diritto comune: la giurisprudenza consulente nel pensiero di Tiberio Deciani, in Tiberio Deciani (1509-1582) Alle origini del pensiero giuridico moderno, Udine, Forum, 2004, p. 282 3 G. ROSSI, Consilium sapientis iudiciale – studi e ricerche per la storia del processo romano canonico (sec. XII – XIII), Milano, Giuffrè, 1958, pp. 103-112

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

alciato
art. 234 trattato ce
consilium sapientis iudiciale
deciani
diritto comparato
diritto dell'unione europea
rinvio pregiudiziale alla corte di giustizia
storia del diritto medievale

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi