Skip to content

Settembre 2001: metafore del terrore

Informazioni tesi

  Autore: Giovanna Buttacchio
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2003-04
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Scuola sup. di Lingue Moderne per Interpreti e Traduttori
  Corso: Scienze della mediazione linguistica
  Relatore: Michele Prandi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 57

In questa ricerca ci proponiamo di studiare il linguaggio figurato relativo all’attacco terroristico dell’11 settembre negli Stati Uniti, con particolare attenzione alla metafora.
Cercheremo di mostrare che esso non è una prerogativa esclusiva dei testi letterari e non costituisce una trasgressione rispetto alla norma linguistica, come si è spesso abituati a pensare, ma è diffuso anche in usi più quotidiani della lingua, ad esempio nella stampa.
Lo studio è stato condotto su articoli pubblicati sul quotidiano la Repubblica, sul settimanale l’Espresso e su alcuni saggi tratti da un supplemento di Limes, una rivista di geopolitica. I testi presi in esame si riferiscono tutti al periodo compreso tra l’11 e il 30 settembre 2001.
Dopo aver isolato le metafore nei testi, le abbiamo selezionate e abbiamo tentato di classificarle prima in base al loro referente e poi secondo i campi semantici di appartenenza.
Spesso però abbiamo notato che classificare le metafore secondo una prospettiva semantica non è un’operazione immediata da compiersi in modo definitivo, ma richiede costanti ripensamenti: l’atto stesso di inserire le metafore in schede implica la valorizzazione di un particolare aspetto a scapito di altri, pur suggeriti dalla metafora. La sua posizione lungo una linea di confine concettuale si scontra, infatti, con la rigidità delle classificazioni. E’ per questa ragione che nella nostra descrizione abbiamo cercato di mantenere, nei limiti del possibile, i legami tra i campi semantici nel passare dall’uno all’altro. Ora vediamo in sintesi qual è l’argomento dei singoli capitoli.
Nel capitolo I, dopo aver introdotto brevemente le figure di contenuto, ci occuperemo di alcuni aspetti delle più recenti teorie sulla metafora. Passeremo subito dopo alla parte descrittiva.
Nel capitolo II prenderemo in considerazione le metafore che hanno come referente le torri gemelle, distinguendole in metafore sul territorio, metafore sugli animali, metafore attinenti alla sfera religiosa e personificazioni. Queste ultime sono le più numerose, anche se piuttosto convenzionali.
Nel capitolo III analizzeremo le metafore aventi per referente l’attacco terroristico, comprendenti le metafore dell’aggressione, le metafore religiose e letterarie, e infine le metafore dell’informazione, le più frequenti e originali.
Nel capitolo IV vedremo le metafore il cui referente è il terrorismo internazionale, dividendole in metafore della ragnatela, metafore della centrale operativa, metafore della malattia e metafore della pianta malvagia. Troveremo infine un piccolo gruppo di metafore
eterogenee. Gli esempi più interessanti sono le metafore della ragnatela e quelle della malattia.
Ricostruiremo alla fine di ognuno dei capitoli descrittivi una piccola storia delle metafore incontrate per capire in sintesi come esse si siano evolute nei rispettivi campi.
Speriamo vivamente che questa ricerca riesca a mostrare quanto siano efficaci e importanti le metafore anche nei loro usi più quotidiani, e nel nostro caso nel raccontare al pubblico la l’11 settembre facendolo partecipare alla tragedia.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE In questa ricerca ci proponiamo di studiare il linguaggio figurato relativo all’attacco terroristico dell’11 settembre negli Stati Uniti, con particolare attenzione alla metafora. Cercheremo di mostrare che esso non è una prerogativa esclusiva dei testi letterari e non costituisce una trasgressione rispetto alla norma linguistica, come si è spesso abituati a pensare, ma è diffuso anche in usi più quotidiani della lingua, ad esempio nella stampa. Lo studio è stato condotto su articoli pubblicati sul quotidiano la Repubblica, sul settimanale l’Espresso e su alcuni saggi tratti da un supplemento di Limes, una rivista di geopolitica. I testi presi in esame si riferiscono tutti al periodo compreso tra l’11 e il 30 settembre 2001. Dopo aver isolato le metafore nei testi, le abbiamo selezionate e abbiamo tentato di classificarle prima in base al loro referente e poi secondo i campi semantici di appartenenza. Spesso però abbiamo notato che classificare le metafore secondo una prospettiva semantica non è un’operazione immediata da compiersi in modo definitivo, ma richiede costanti ripensamenti: l’atto stesso di inserire le metafore in schede implica la valorizzazione di un particolare aspetto a scapito di altri, pur suggeriti dalla metafora. La sua posizione lungo una linea di confine concettuale si scontra, infatti, con la rigidità delle classificazioni. E’ per questa ragione che nella nostra descrizione abbiamo cercato di mantenere, nei limiti del possibile, i legami tra i campi semantici nel passare dall’uno all’altro. Ora vediamo in sintesi qual è l’argomento dei singoli capitoli. Nel capitolo I, dopo aver introdotto brevemente le figure di contenuto, ci occuperemo di alcuni aspetti delle più recenti teorie sulla metafora. Passeremo subito dopo alla parte descrittiva. Nel capitolo II prenderemo in considerazione le metafore che hanno come referente le torri gemelle, distinguendole in metafore sul territorio, metafore sugli animali, metafore attinenti alla sfera religiosa e personificazioni. Queste ultime sono le più numerose, anche se piuttosto convenzionali. Nel capitolo III analizzeremo le metafore aventi per referente l’attacco terroristico, comprendenti le metafore dell’aggressione, le metafore religiose e letterarie, e infine le metafore dell’informazione, le più frequenti e originali. Nel capitolo IV vedremo le metafore il cui referente è il terrorismo internazionale, dividendole in metafore della ragnatela, metafore della centrale operativa, metafore della malattia e metafore della pianta malvagia. Troveremo infine un piccolo gruppo di metafore 3

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

11 settembre
attacco terroristico
campo semantico
conflitto concettuale
metafora
metafore dell'aggressione
metafore dell'informazione
metafore della centrale
metafore della malattia
metafore della ragnatela
metafore letterarie
metafore religiose
metafore sugli animali
metafore sul territorio
metonimia
nebulosa
nomade
personificazioni
pianta malvagia
torri gemelle

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi