Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Dalle collaborazioni coordinate continuative al lavoro a progetto della Legge Biagi

Questa tesi si prefigge di analizzare la riforma del diritto del lavoro, apportata dalla Legge Biagi, con particolare attenzione all’ambito delle collaborazioni coordinate e continuative, trasformate ora in lavoro a progetto. L’elaborato si articola in tre capitoli.
Un primo capitolo che mostra la situazione ante Legge Biagi: partendo dall’analisi della nozione di lavoro subordinato e da quella di lavoro autonomo, ne evidenzia le caratteristiche principali che determinano la differenziazione tra i due istituti, enunciando poi le opinioni dottrinali e le fonti delle collaborazioni coordinate e continuative, nonche’ l’orientamento giurisprudenziale. Il secondo capitolo, invece, descrive le novita’ tecniche introdotte con la Legge 30 e lo fa innanzitutto dichiarando quelle che sono le intenzioni e gli obbiettivi prefissati dal Legislatore, per poi entrare nel merito e analizzare in ogni singolo dettaglio, dalla forma all’estinzione del contratto, senza tralasciare il relativo regime sanzionatorio, la disciplina delle rinunzie e transazioni e le fattispecie escluse dal campo d’applicazione, ma anche i relativi chiarimenti del Ministero, apportati con la circolare 8 gennaio 2004.
Infine l’ultimo capitolo, denominato “Conclusioni”, rilascia un giudizio d’insieme sulla bontà della riforma; operazione questa di non semplice realizzazione, data la assai recente entrata in vigore della stessa ed effettuata, evidenziando il contrasto di opinioni, sia in dottrina riportando i contributi quali quello del Prof. Ichino da una parte e del Prof.Tiraboschi dall’altra, che tra gli addetti ai lavori, da una parte gli imprenditori e le associazioni di categoria, dall’altra i cosiddetti collaboratori e i sindacati. Al riguardo sono menzionate le indagini condotte da Assolombarda, Nidil-Cgil, Ires, Demoskopea-Italia Oggi, ed inoltre sono stati menzionati i primi accordi nazionali, quale quello tra Assocallcenter e Cgil-Cisl-Uil.
E’ stato poi riportato il contributo giurisprudenziale della Corte Costituzionale, con la sentenza 50/2005, nei confronti di alcune regioni ricorrenti, e inoltre sono state espresse delle opinioni personali.

Mostra/Nascondi contenuto.
#NOME#Radaelli Luciano# #MATRICOLA#4731# #ANNO#2003-04# #RELATORE#Albini Pierangelo# #TITOLO#Dalle collaborazioni coordinate e continuative al lavoro a progetto della Legge Biagi# #AUTORIZZAZIONE#Si’# #TESTO#Questa tesi si prefigge di analizzare la riforma del diritto del lavoro, apportata dalla Legge Biagi, con particolare attenzione all’ambito delle collaborazioni coordinate e continuative, trasformate ora in lavoro a progetto. L’elaborato si articola in tre capitoli. Un primo capitolo che mostra la situazione ante Legge Biagi: partendo dall’analisi della nozione di lavoro subordinato e da quella di lavoro autonomo, ne evidenzia le caratteristiche principali che determinano la differenziazione tra i due istituti, enunciando poi le opinioni dottrinali e le fonti delle collaborazioni coordinate e continuative, nonche’ l’orientamento giurisprudenziale. Il secondo capitolo, invece, descrive le novita’ tecniche introdotte con la Legge 30 e lo fa innanzitutto dichiarando quelle che sono le intenzioni e gli obbiettivi prefissati dal Legislatore, per poi entrare nel merito e analizzare in ogni singolo dettaglio, dalla forma all’estinzione del contratto, senza tralasciare il relativo regime sanzionatorio, la disciplina delle rinunzie e transazioni e le fattispecie escluse dal campo d’applicazione, ma anche i relativi chiarimenti del Ministero, apportati con la circolare 8 gennaio 2004. Infine l’ultimo capitolo, denominato “Conclusioni”, rilascia un giudizio d’insieme sulla bontà della riforma; operazione questa di non semplice realizzazione, data la assai recente entrata in vigore della stessa ed effettuata, evidenziando il contrasto di opinioni, sia in dottrina riportando i contributi quali quello del Prof. Ichino da una parte e del Prof.Tiraboschi dall’altra, che tra gli addetti ai lavori, da una parte gli imprenditori e le associazioni di categoria, dall’altra i cosiddetti collaboratori e i sindacati. Al riguardo sono menzionate le indagini condotte da Assolombarda, Nidil-Cgil, Ires, Demoskopea-Italia Oggi, ed inoltre sono stati menzionati i primi accordi nazionali, quale quello tra Assocallcenter e Cgil-Cisl-Uil. E’ stato poi riportato il contributo giurisprudenziale della Corte Costituzionale, con la sentenza 50/2005, nei confronti di alcune regioni ricorrenti, e inoltre sono state espresse delle opinioni personali.

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Luciano Radaelli Contatta »

Composta da 159 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6151 click dal 22/02/2008.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.