Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Ceto medio riflessivo e campagne postmoderne: una riflessione sul caso di Bologna.

CAP I: analizzo prima in generale quello che è stato definito "ceto medio riflessivo" da Paul Ginsborg; passo ad un'analisi delle prospettive dei movimenti italiani in generale e dò una mia interpretazione delle primarie del 2005 come prima massima espressione del ceto medio riflessivo.

CAP II: analizzo comparativamente (USA e Italia) i tipi di campagna elettorale così come li ha definiti la studiosa americana Pippa Norris e basandomi anche sul lavoro di Cristian Vaccari, esperto di comunicazione dell'Università di Bologna.

CAP III: analizzo il caso di Bologna rispetto alla campagna elettorale per le comunali del 2004, che hanno visto il trionfo di Cofferati dopo una campagna elettorale innovativa (postmoderna) nella realtà politica italiana; passo poi ad una rassegna dei principali comitati cittadini bolognesi, l'appoggio dei quali è fondamentale per avere successo tra l'attivissima cittadinanza bolognese.

CAP IV: analizzo il dopo elezioni a Bologna, in particolare rispetto alle aspettative mancate e le speranze che aveva suscitato Sergio Cofferati.

Mostra/Nascondi contenuto.
2 Capitolo primo 1. MOVIMENTI E CETO MEDIO RIFLESSIVO 1.1. Una proposta di definizione Nel 2003 Einaudi ha pubblicato un saggio di Paul Ginsborg 1 , Ambizioni patrimoniali in una democrazia mediatica, in cui l’autore analizza la situazione politica italiana dalla vittoria di Berlusconi nel 2001 sino al 2003. Ginsborg dedica la parte finale del suo saggio ad analizzare le azioni che la società civile ha contrapposto al governo Berlusconi. Sono i movimenti, che inglobano al loro interno il sindacato, il ceto medio riflessivo e i movimenti new global, a opporsi con maggiore forza alle politiche di governo, ma essi rappresentano anche una spina nel fianco per il centrosinistra italiano. Secondo Ginsborg, dal giugno 2001 al gennaio 2002 l’opposizione di centrosinistra visse un periodo di 1 Paul Ginsborg insegna Storia dell’Europa contemporanea all’Università di Firenze.

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Antonio Capillo Contatta »

Composta da 83 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 995 click dal 22/02/2008.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.