Skip to content

Sun Tzu e "L'Arte Della Guerra": quanto è attuale per il manager moderno?

Informazioni tesi

  Autore: Alessio Giacomello
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze dell'amministrazione
  Relatore: Giovan Francesco Lanzara
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 51

Una ricerca sui maggiori critici de "L'arte della guerra", i quali hanno voluto inquadrare in chiave manageriale quest'opera, accolando a Sun Tzu idee legate al management. Una tesi che mostra come si siano fatti troppi accostamenti metaforici dai critici moderni, snaturando il libro stesso per poterlo adattare a loro piacimento. Il testo mostra comunque elementi di similitudine, minori rispetto a quelli mostrati dalla critica, per dimostrare ciò si è fatto ricorso anche a alcune importanti e ormai cementate teorie del management. Un'elegante analisi che mostra il grande potenziale di un libro scritto nel 400 a.C.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione “Il confronto e la competizione tra gli stati non dovrebbero essere mai risolti con il ricorso alle armi. Qualora la guerra fosse inevitabile, nessuno dei contendenti dovrà combattere con il desiderio del profitto o della gloria; i generali dovranno avere la massima cura dei loro uomini e cercare di ridurre al minimo i danni dell’avversario.” Non sono, queste,le considerazioni di un pacifista dal cuore tenero e spaventato da un possibile olocausto nucleare, ma i precetti di un antico pensatore cinese, Sun Tzu. Il successo che sta arridendo in Occidente al libro di Sun Tzu “L’arte della guerra” (Bingfa) – e che contribuisce al definitivo superamento del pensiero militare di von Clausewitz (opera posteriore al suddetto trattato militare cinese) secondo il quale scopo ultimo della guerra è la distruzione e l’annientamento del nemico – non deve stupire se si considera che i generali più geniali e vittoriosi e i più famosi rivoluzionari e guerriglieri dell’età contemporanea (da Napoleone a Kutuzof, da Lawrence d’Arabia a Mao e a Ho Chi-Minh) avevano fatto de “L’arte della guerra” il loro manuale preferito, sposandone i principi fondamentali: la vera arte della guerra consiste nel vincere il conflitto ancor prima di iniziarlo; in una guerra è vincente non tanto chi è in vantaggio numerico e di mezzi ma chi, usando strategie indirette, inattese e non ortodosse, trasforma i vantaggi del nemico in svantaggi e i propri limiti in punti di forza. Del resto il libro di Sun Tzu è stato il trattato di riferimento per strateghi e politici americani da Nixon in poi, fino a coloro che si sono trovati coinvolti nei recenti conflitti dell’Iraq e del Kossovo, nonché per gli agenti del KGB e della CIA. Ai giorni nostri il Bing fa continua a essere un pilastro nelle accademie militari di tutto il mondo, dall’accademia militare di Modena, a West Point, ossia la scuola per cadetti che sfornerà i moderni guerrieri nei conflitti di Iraq e Afghanistan; ma anche gli eserciti israeliano e inglese hanno alle spalle tale lettura; di fatti quest’opera presenta concetti di una modernità impressionante e i diversi professori di psicologia militare delle accademie se ne sono resi conto e hanno integrato la lettura de “L’arte della guerra” a quelle degli autori più moderni. Ma anche le strategie degli yuppies della finanza discendono in parte dai principi di Sun Tzu e Sun Pin, proprio perché essi insegnano come gestire in maniera vittoriosa qualsiasi forma di competizione, sia personale che collettiva, in qualsiasi campo (mondo degli affari e marketing, appunto, compresi), pur partendo da una situazione anche di manifesta inferiorità. Mai come in questi ultimi anni, la Cina si è dimostrata forte e concorrenziale a tal punto da spaventare anche le superpotenze economiche, dunque trovo giusto capire cosa stia alla base di un popolo che si promette di arrivare in testa alla corsa per la conquista del mercato globale. Dunque anche i manager cinesi possono aver tracciato le loro strategie avendo nel loro background precetti derivanti da “L’arte della guerra”. In questa tesi però mi permetto di dissentire da alcune opere letterarie, che dando un taglio manageriale all’opera del maestro Sun Tzu, ne individuano solo gli elementi di modernità senza offrire spunti di critica a quest’opera scritta più di 2000 anni fa. L’opera di Sun Tzu, oltre a condividere concetti del management moderno, rimane un’ottima fonte d’ispirazione per vincere anche nelle piccole e grandi guerre della vita

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

amministrazione
arte della guerra
asia
buttignol
cina
economia
feldman
flessibilità
giappone
informazione
landau
management
manager
march
michealson
modello giapponese
modello toyota
nonaka
organizzazione
sun tzu
takeuchi
taoismo
thompson
toyota

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi