Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La storia del dopolavoro ferroviario

Questo lavoro analizza ed approfondisce la storia del Dopolavoro Ferroviario

Mostra/Nascondi contenuto.
I PREFAZIONE Il presente lavoro, frutto di una minuziosa ricerca effettuata, soprattutto, tra atti e documenti conservati nell’Archivio del Dopolavoro ferroviario di Salerno, nasce dalla constatazione del ruolo svolto nella nostra società da tutti quegli enti ed organismi, quali appunto le sezioni dopolavoristiche, che hanno per scopo la promozione e la gestione di attività ricreative, culturali, turistiche, sportive, sociali ed assistenziali per l’impiego del tempo libero dei soci. L’analisi parte dall’atto di nascita del DLF nel 1925, passando attraverso la riforma del 10 maggio 1995 che, dopo un lungo iter burocratico fatto di accordi, mediazioni, rinvii, ha siglato l’avvento dell’Associazione DLF e l’attribuzione alle singole Sezioni di una personalità giuridica autonoma formalizzando così, a pieno titolo, l’inserimento di queste organizzazioni in quel vasto ambito dell’economia sociale definito «terzo settore», fino a giungere alla tanto attesa riforma tributaria (D.Lgs.460/97) degli enti non commerciali e delle

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Domenico De Simone Contatta »

Composta da 218 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2145 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.