Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il ruolo dei media nella costruzione sociale della realtà e nelle relazioni interpersonali

Il lavoro svolto si propone di rispondere al seguente interrogativo: in che modo i mezzi di comunicazione di massa intervengono sui processi di elaborazione della conoscenza, sulle relazioni interpersonali e più in generale su tutti i principali fattori della costruzione umana della realtà?. Rispondere a una simile domanda implica indubbiamente, la necessità di postulare che la realtà è socialmente costruita, e ciò a prescindere dal potere mediatico che ci circonda. A partire da questa considerazione, si è ritenuto opportuno riflettere sul processo di formazione della cultura e sul modo in cui questa influenza l’attività conoscitiva dell’individuo. Ma cosa si intende per cultura? In generale, possiamo dire che la cultura rappresenta l’area simbolica del mondo e un dispositivo per attribuire significato alla realtà rendendola interpretabile; essa è una rete di significati che gli individui stessi costruiscono insieme nelle loro interazioni, e di cui non possono fare a meno per avere una comprensione del mondo condivisa e tale, da consentire di basare le loro pratiche interazionali e comunicative su un sistema comune di riferimento. In sostanza, le persone non entrano in relazione tra loro in un vuoto semiotico, bensì all’interno di un contesto culturale, il quale fornisce loro gli strumenti simbolici e linguistici attraverso cui comprendere, concettualizzare e comunicare la realtà. Ebbene, è all’interno di questo quadro teorico, e in una prospettiva che potremmo definire psicosocioculturale, che si è collocata l’analisi sul ruolo dei media nella costruzione sociale della realtà e nelle relazioni interpersonali.
Naturalmente, il ruolo dei media in questo senso, va ricercato nella loro capacità di contribuire in maniera rilevante a costruire e diffondere un sapere da tutti condiviso e accettato. Ciò è ancor più vero se si pensa che la società contemporanea tende sempre più a coincidere con la società mediale. Più in generale, i media forniscono i contorni dell’ambiente simbolico entro il quale si vive. È in relazione a queste considerazioni che si sostiene l’ipotesi che gli effetti dei media vadano ricercati prevalentemente a livello di costruzione della conoscenza, individuale e collettiva, e delle rappresentazioni della realtà che essi sono in grado di contribuire a costruire e veicolare all’interno di una data comunità determinando così, i principali contenuti della cultura contemporanea. Inoltre, non va dimenticato che dai contenuti mediali, le persone possono ricavarne non solo risorse conoscitive su una serie sterminata di eventi, ma anche modelli di ruolo e stili di comportamento per fronteggiare le più diverse situazioni della loro vita quotidiana.
A questo proposito, si ritiene valida l’ipotesi secondo cui le persone, soprattutto quelle maggiormente esposte ai contenuti mediali, si ispirano nella loro vita reale a quei modelli culturali, relazionali e comportamentali, che traggono soprattutto dall’offerta televisiva. In questo modo, le loro menti e le loro relazioni sono, di fatto, modellate dai media.



Mostra/Nascondi contenuto.
4 Introduzione Il ruolo dei media nella costruzione sociale della realtà e nelle relazioni interpersonali, non può essere adeguatamente compreso se non si considera il fatto che la realtà è fondamentalmente un processo di costruzione umana. Essa dunque va analizzata innanzitutto come tale, a prescindere dall’azione dei media. In particolare, quello che si propone, è di considerare prima di tutto il processo di formazione della cultura, dal momento che la costruzione di un ambiente simbolico, la cultura appunto, rappresenta sicuramente una condizione necessaria, senza la quale gli esseri umani non potrebbero mai giungere ad una rappresentazione mentale e condivisa della propria realtà sociale. A partire da queste considerazioni, è stato affrontato il rapporto tra cultura e conoscenza, sottolineando in primo luogo la relazione esistente tra pensiero e cultura, nel senso che se da una parte la cultura è prodotta dalle menti umane in relazione tra di loro, dall’altra, le menti umane sono influenzate dalla cultura nel modo in cui elaborano i significati della realtà. Nello specifico, si è visto che la cultura, intesa come sistema di credenze, esercita la sua influenza sull’attività conoscitiva dell’individuo fornendo schemi interpretativi e modelli di pensiero attraverso i quali le persone giungono ad una rappresentazione comune della realtà. Successivamente, si è preso in esame il ruolo del linguaggio considerandolo come l’espressione privilegiata di una certa cultura. È attraverso di esso, infatti, che la cultura circola nel tessuto sociale rendendosi “viva” nelle pratiche interazionali e comunicative dei soggetti. In particolare, si è analizzato il modo in cui, attraverso il linguaggio, la cultura influenza il pensiero e la costruzione umana della realtà. A questo proposito, è stata presa in considerazione l’ipotesi della relatività linguistica

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Umanistiche

Autore: Francesco Raucci Contatta »

Composta da 81 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 9582 click dal 11/03/2008.

 

Consultata integralmente 16 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.