Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il fenomeno blog: diario personale o public journalism?

Con questa tesi si è voluto studiare il fenomeno dei blog nel momento storico in cui muovevano i primi passi. Si è cercato di ricostruirne la breve storia, i meccanismi di funzionamento e capire se il loro futuro sia legato più alle qualità di diario personale oppure possano diventare uno strumento di giornalismo, creata da e per gli addetti al settore. Nella tesi sono stati intervistati anche alcuni famosi blogger come Pino Scaccia o Luca Sofri per fare con loro il punto della situazione.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione Ripercorrere la storia del fenomeno blog che a stento supera i cinque anni di vita 1 , è come sfogliare l’album di fotografie di un bambino che da pochi mesi ha imparato a muovere i primi passi e ad articolare le prime parole: non si può dire cosa farà da grande. Al massimo è possibile sapere come fino a quel momento è cresciuto. Il fenomeno dei blog, infatti, è a tutti gli effetti come un pargolo che cerca di farsi spazio tra le maglie di quella rete globale che è Internet. Un enfant che qualcuno ha giudicato, forse troppo presto, prodige, per la sua capacità di calamitare l’attenzione sia del grande pubblico che quotidianamente consuma i contenuti della rete, sia degli addetti ai lavori, soprattutto i giornalisti più esperti di nuove tecnologie, che lo osservano chiedendosi se davvero potrà emergere tra le decine di nuove tendenze culturali e informative di cui il web è disseminato. 1 Il primo blog della storia viene comunemente considerato Scripting News, nato nel 1997

Tesi di Specializzazione/Perfezionamento

Autore: Gian Luca Rocco Contatta »

Composta da 107 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3003 click dal 18/03/2008.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.