Skip to content

No profit e Non Profit, problematiche di sviluppo economico, sociale ed occupazionale del Terzo Settore, in Italia

Informazioni tesi

  Autore: Andrea Tasciotti
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1998-99
  Università: Università degli Studi di Roma Tor Vergata
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia e Commercio
  Relatore: Pasquale Lucio Scandizzo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 267

La presente tesi di laurea intende esaminare e valutare, dopo un excursus storico - giuridico, le problematiche di sviluppo economico e sociale e le possibilità occupazionali del Terzo Settore in Italia, che è stato identificato molto di recente con il termine non profit, permettendo al tempo stesso di mettere in evidenza una tradizione plurisecolare delle nostre nazionali esperienze, attraverso vicissitudini politico-economico-religiose.
In relazione alle esperienze attuali e alle prospettive future del Terzo Settore, è stato effettuato un caso-studio sulle capacità di investimento di un intermediario finanziario per il potenziamento, lo sviluppo e l’occupazione, mediante un’esemplificazione di un modello dinamico basato sui dati di bilancio.
La prima parte mette in luce i tratti storici del Terzo Settore, nonché i principi ad esso inerenti che sono contenuti nella Dottrina Sociale della Chiesa e nella Costituzione Italiana del 1948, vista nei suoi articoli essenziali in relazione al Terzo Settore. Il tutto è posto a supporto per meglio comprendere l’importanza storico-sociale e la fondata rilevanza costituzionale che il Terzo Settore assume.
In particolare, analizzando lo sviluppo storico del settore, sono state evidenziate le opere di carità e di assistenza sorte in Italia nel Medio Evo, come le Congregazioni di carità, sia religiose che laiche, e la costituzione di ricoveri ed ospedali che in termini di gestione, amministrazione ed autofinanziamento possono essere considerati ancora oggi un modello.
Si è documentato ciò che si è verificato durante l’Età Moderna, visto che si effettuavano studi sull’amministrazione dei beni fondiari, e si realizzavano economie di scala, coinvolgendo ingegneri esperti di irrigazione e di governo delle acque ed agronomi per la gestione dei fondi.
Si è visto che superando il criterio dell’Ente di beneficenza, sorsero in quel periodo i Monti di Pietà, che, effettuando prestiti di denaro per investimento contro pegno, hanno dato inizio al principio bancario di capitale circolante per la creazione di ricchezza sociale.
Nell’Ottocento, la Chiesa attraverso le iniziative di operatori volenterosi, quali tra gli altri il beato Cottolengo e don Orione, diede nuovo impulso al settore dell’assistenza e dell’istruzione. Si riprende anche il fenomeno della tutela creditizia con la costituzione delle Casse Rurali e delle Società Mutue, che in base alle dichiarazioni di Marco Besso, parlamentare e presidente delle Assicurazioni Generali, evidenziava un’espansione, dal 1873 al 1910, delle Mutue da 1.146 a 7.000 con rispettivamente 218.000 e 1.000.000 soci. Mentre nel 1880, una inchiesta governativa evidenziava in Italia 22.000 diverse istituzioni operanti in 33 differenti settori, con una rendita lorda di 81 milioni l’anno.
In detto contesto occorre menzionare la legge 3 agosto 1862, n. 753 sulle Opere Pie (organizzazioni non profit ante litteram) e la legge 17 luglio 1890, n.6972 sulle Ipab (Istituti di pubblica assistenza e beneficenza), che prefigurano l’intervento dello Stato in questo settore.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 _______________________________________________________________ INTRODUZIONE Il termine non profit è stato acquisito molto di recente in Italia ed ha fatto sì che la tradizione plurisecolare di queste esperienze non solo venisse riscoperta in termini nuovi, ma fosse anche rivisitata dai punti di vista sociologico, negli aspetti giuridici e in quelli prettamente economici. Il presente lavoro si prefigura di esaminare e valutare le problematiche di sviluppo economico, sociale ed occupazionale del Terzo Settore in Italia. In particolare nella prima parte si metteranno in luce i tratti storici del Settore non profit, i principi della Costituzione e di Dottrina Sociale della Chiesa che sono di supporto ad esso per meglio comprendere l’importanza storico-sociale e di fondata rilevanza costituzionale che il terzo Settore assume. Nella seconda parte invece verranno analizzate le cause della recente crisi del Welfare State e le possibili risposte ad esso, partendo da un’ipotesi di gestione privatistica, con gli strumenti ad essa collegati, fino ad una totale rivisitazione del sistema in termini nuovi. Nella terza parte, verranno presentate le organizzazioni non profit negli aspetti giuridici e fiscali, per una più efficace distinzione dalle caratteristiche pubbliche e private, alla luce della novità del principio di reciprocità e della legge di Riforma ONLUSS sugli Enti non lucrativi; in quelli statistico - economici, per evidenziarne la dimensione statistica non ancora totalmente censita nelle sue potenzialità e l’utilità economica per valutare l’equità, l’efficienza e qualità delle unità di erogazione dei servizi sociali ai fini di una migliore soddisfazione delle preferenze individuali; e infine in quella aziendale-organizzativa nella pianificazione e nella

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi