Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'ascolto dei preadolescenti via forum: il caso di telefono Giovane

A quali livelli l'aiuto psicologico mediato dal computer è utile? Il forum "Telefono giovane", tenuto da esperti e psicologi serve veramente agli adolescenti? ma soprattutto ai preadolescenti? E se questo serve, in che misura?

Mostra/Nascondi contenuto.
2 Introduzione Nel corso degli ultimi anni l’utilizzo del telefono per il counseling e per interventi in situazione di disagio (Caffo 1982, 1991, 2003) ha visto una crescita rapida: servizi di ascolto “generico”, linee dedicate a temi e problematiche specifiche, numeri rivolti a categorie di utenti definite da genere, età o limiti territoriali. La ragione dello sviluppo e della diffusione di questa pratica, nonché dell’adesione positiva che si è riscontrata da parte degli utenti, trova la sua ragion d’essere nelle caratteristiche proprie del mezzo telefonico e del setting in cui la relazione si svolge. Il telefono, infatti, si configura come uno strumento dall’“utilizzo polimorfo” (Galimberti, Gatti, Guglielmetti, 2004): la diffusione capillare e la facilità d’uso, unite alle sue caratteristiche specifiche che consentono il superamento di barriere spaziali, la protezione dell’identità fisica degli interlocutori, ne fanno uno strumento facilmente accessibile e modellabile rispetto alle necessità più diverse. Sono dunque queste le peculiarità dello strumento che determinano spesso il ricorso al telefono come canale prescelto tra altre possibilità in tutti quei casi di ‘bisogno’ che comprendono dalle semplici richieste di informazioni, alle vere e proprie richieste d’aiuto, materiale o morale, per far fronte a situazioni di emergenza o di grave ‘detresse’. Lo sviluppo tecnologico rappresentato dalla telefonia mobile, inoltre, ha esaltato le caratteristiche del mezzo che lo rendono particolarmente adatto alla richiesta d’aiuto e alla sua gestione: il telefono, al seguito dell’utente in qualsiasi frangente spazio-temporale, gli permette di esprimere il proprio bisogno nel momento che egli ritiene più adeguato, magari nel momento stesso dell’insorgenza del problema. Parallelamente a questo incremento dell’utilizzo del telefono in ambito sociale, si rendono disponibili nuove possibilità d'uso legate alla sua integrazione in sistemi multimediali: ci si riferisce, in particolare, alle nuove forme di counseling on-line che si svolgono mediante CMC - Comunicazione Mediata dal Computer- asincrona (ossia attraverso e-mail, forum etc.), e sincrona (chat audio e video). Inoltre l’integrazione di tecnologie palmari consente il superamento dei vincoli spazio-temporali, consentendo alle persone di essere “sempre in comunicazione”, con la possibilità di esprimere il bisogno di ascolto e di riceverlo in tempo reale: la CMC condivide gran parte delle caratteristiche prima enucleate per la telefonia.

Laurea liv.I

Facoltà: Psicologia

Autore: Valeria Bruno Contatta »

Composta da 37 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 811 click dal 18/03/2008.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.