Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'orecchio e il potere dell'ascolto nell'esecuzione pianistica. Tra metodo tomatis e neuroscienze della musica.

Tesi sul metodo Tomatis e la sua rilevanza nello studio dell'orecchio musicale.

Mostra/Nascondi contenuto.
8 L’ORECCHIO E IL POTERE DELL’ASCOLTO NELL’ESECUZIONE PIANISTICA. TRA METODO TOMATIS E NEUROSCIENZE DELLA MUSICA. ‘PRELUDIO’ Chi è l’‘artista’? In che rapporto è con la composizione musicale? E quale è il fine dell’esecuzione? Può la musica migliorare la Musica? E quale il ruolo dell’orecchio, organo della Musica per eccellenza come l’occhio della pittura? La ricerca delle risposte mi ha portato all’incontro con Alfred Tomatis un medico specialista in otorinolaringoiatria che, lavorando su cantanti e concertisti di fama, ha dimostrato il ruolo guida dell’orecchio e il potere dell’ascolto ad esso connesso. Ascoltare musica in determinate condizioni apporta miglioramenti in vari ambiti so- prattutto a livello di capacità di espressione e comunicazione di sé. Non è forse questo il fine dell’esecuzione musicale? L’interprete non è altri che colui che ricrea una composizione, le infonde nuova vita, le dà un’anima con il soffio della propria, le trasmette il proprio mondo, il proprio sentire percettivo, le dà nuovo significato rileggendola con occhi sempre nuovi. Il fine dell’esecuzione è la comunicazione di emozioni, di un mondo interiore che si esplicita attraverso un complesso di cognizioni tecniche che hanno a che fare con la gestualità ed il movimento, con l’azione. Del resto, ‘movimento’ ed ‘e-mozione’ sottintendono entrambe una dinamica, un partire da per andare oltre. Ascoltare, sentire, percepire a loro volta hanno a che fare con i ‘moti’ dell’anima o del cuore, che però, per essere realmente comunicativi, devono trovare rispondenza e risonanza in chi a sua volta li recepisce come ascoltatore.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Biennio Specialistico in Discipline Musicali

Autore: Vera Mazzotta Contatta »

Composta da 134 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5043 click dal 18/03/2008.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.