Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Patrimoni e finanziamenti destinati ad uno specifico affare: aspetti giuridici generali, profili contabili e rappresentazione in bilancio

Studio dei patrimoni e finanziamenti destinati ad uno specifico affare, come strumento di capitalizzazione e finanziamento per le imprese, per ovviare al rischio di razionamento del credito con Basilea 2. peculiarità della segregazione patrimoniale. rappresentazione in bilancio a seguito di separazione delle scritture contabili. documento di prassi OIC 2.
Comparazione con associazione in partecipazione. Distinta indicazione in bilancio mediante colonna "di cui" e specifiche indicazioni nella nota di commento e nella nota integrativa. limite quantitativo al 10% del patrimonio netto solo per costituzione e solo per patrimoni destinati, non anche per i finanziamenti.

Mostra/Nascondi contenuto.
Università degli Studi di Genova - Facoltà di Economia Tesi di Laurea triennale di Fabrizio VIGO – matr. 909527 3 PREMESSA ED INTRODUZIONE GENERALE L’importanza di studiare il tema dei “patrimoni e dei finanziamenti destinati” visti come strumento giuridico, non deve far dimenticare che tale istituto va sicuramente studiato anche come mezzo per favorire il finanziamento e la capitalizzazione delle imprese. È per questo che il presente lavoro, il cui tema centrale è proprio quello degli aspetti contabili e di rappresentazione in bilancio degli istituti suddetti, parte da un analisi dei sistemi di finanziamento delle imprese italiane, della loro struttura finanziaria e della scarsa capitalizzazione che storicamente le contraddistingue. L’obbiettivo di focalizzare gli aspetti giuridici e contabili in ordine ai patrimoni e finanziamenti destinati ad uno specifico affare, introdotti nel nostro ordinamento con la riforma del diritto societario di cui al decreto legislativo 17 gennaio 2003 n. 6, è stato perseguito dividendo il lavoro in capitoli diversi, partendo con un’analisi generale sulla capitalizzazione delle imprese italiane, passando poi allo studio degli aspetti giuridici, contabili e fiscali dei nuovi strumenti dei patrimoni e dei finanziamenti destinati ad uno specifico affare. Nei capitoli centrali, vengono presentati i caratteri fondamentali dell’istituto. Con l’istituzione del patrimonio destinato, la società destina un parte del suo patrimonio alla realizzazione di uno specifico affare, senza che lo stesso patrimonio destinato possa essere aggredito da creditori sociali per soddisfare obbligazioni sorte al di fuori dell’affare considerato.

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Fabrizio Vigo Contatta »

Composta da 95 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1862 click dal 20/03/2008.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.