Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Studio della radioattività naturale e della sua origine geologica nella zona di Anagni (FR)

Il lavoro svolto sull'area campione si articola in due fasi: nella prima sono state eseguite delle misure di campagna volte alla stima, mediante un contatore gamma, dell'esposizione radioattiva in aria, individuando, mediante elaborazione digitale dei dati raccolti, le zone con valori maggiori. Successivamente, queste ultime sono state studiate dal punto di vista geologico (successione stratigrafica) e campionate; i campioni sono stati, quindi, sottoposti ad analisi spettroscopica gamma in laboratorio, al fine di stimare il rapporto U/Th nei diversi sedimenti e di relazionale i valori di esposizione alle caratteristiche litologiche e sedimentarie.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 CAPITOLO I Richiami di fisica generale e descrizione delle radiazioni ionizzanti 1.1 Struttura dell’atomo L’atomo è la più piccola porzione di un elemento chimico, che conserva le proprietà dell’elemento stesso. Figura 1.1- La struttura dell’atomo Il primo modello atomico è stato elaborato da Rutheford, nel 1911; in esso è possibile paragonare la struttura dell’atomo a quella del Sistema Solare, in quanto il nucleo si trova al centro e le particelle, chiamate elettroni, ruotano intorno ad esso a distanze diverse. Su queste ultime agiscono due forze opposte: la forza centrifuga, che le spinge verso l’esterno, e l’attrazione elettrostatica da parte del nucleo. Nell’ultimo secolo sono state elaborate diverse teorie e vari modelli sugli elettroni. Inizialmente si attribuiva ad essi un’orbita ben precisa; in seguito si è passati a definire un “campo di

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Manuela Cancelli Contatta »

Composta da 272 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1998 click dal 20/03/2008.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.