Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Analisi dei costi connessi all’ignoranza informatica e progettazione di una possibile soluzione

La società in cui viviamo viene definita sempre più frequentemente come Società dell’informazione.
L’informazione è infatti oggi, un nuovo bene economico, una risorsa strategica attorno alla quale si concentrano gli interessi produttivi primari.
Ed è proprio il settore dell’informazione automatica che permette di automatizzare l’enorme mole di informazione che la nostra società si trova a gestire.
Nei paesi più sviluppati, su tutti l’America, l’impiego di nuove tecnologie determina una rilevante crescita del PIL essendo possibile grazie a queste, lo sviluppo di nuove modalità di svolgimento delle attività tradizionali e la nascita di attività economiche del tutto nuove.
In questa tesi, dopo una descrizione panoramica di quella che è la società dell’informazione e i cambiamenti che essa ha comportato e comporterà nei prossimi anni, è stata esaminata prima la realtà dei paesi appartenenti all’Unione Europea, per poi scendere ad analizzare la situazione della nostra Nazione.
Si è cercato infatti di quantificare quanto effettivamente l’Italia sia al passo con le atre nazioni più sviluppate in termini di informatizzazione, intesa non solo come disponibilità di infrastrutture ma anche come alfabetizzazione dei lavoratori.
Si è cercato anche di esaminare il ruolo delle imprese e del Governo nei confronti di questo fenomeno e, in particolare, si è cercato di proporre un rimedio al problema frequente della difficoltà di formare il personale all’interno dell’ambito lavorativo.
È stato stimato infatti un vero e proprio costo dell’ignoranza informatica, ossia il prezzo che imprese e istituzioni devono pagare per l’utilizzo poco efficace delle tecnologie informatiche, dovute principalmente alla assenza di formazione preliminare del personale.
Come possibile soluzione suggerita, è stata presa in considerazione la possibilità di formazione a distanza del personale lavorativo mediante l’uso dell’e-learning.
Infine nell’ultima parte di questa tesi, è stata pressa in considerazione la situazione della Segreteria del Dipartimento di Scienze della Facoltà di Bari (data l’ovvia vicinanza a questa realtà) ed è stato progettato un vero e proprio modello da seguire per la formazione informatiche dei dipendenti della segreteria, non prima di aver valutato e analizzato le esigenze dei singoli.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 La società in cui viviamo viene definita sempre più frequentemente come Società dell’informazione. L’informazione è infatti oggi, un nuovo bene economico, una risorsa strategica attorno alla quale si concentrano gli interessi produttivi primari. Ed è proprio il settore dell’informazione automatica che permette di automatizzare l’enorme mole di informazione che la nostra società si trova a gestire. Nei paesi più sviluppati, su tutti l’America, l’impiego di nuove tecnologie determina una rilevante crescita del PIL essendo possibile grazie a queste, lo sviluppo di nuove modalità di svolgimento delle attività tradizionali e la nascita di attività economiche del tutto nuove. In questa tesi, dopo una descrizione panoramica di quella che è la società dell’informazione e i cambiamenti che essa ha comportato e comporterà nei prossimi anni, è stata esaminata prima la realtà dei paesi appartenenti all’Unione INTRODUZIONE

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Vito Sorresso Contatta »

Composta da 121 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2313 click dal 20/03/2008.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.