Skip to content

La religione dei Peligni

Informazioni tesi

  Autore: Alessandro Bencivenga
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2004-05
  Università: Università degli Studi Gabriele D'Annunzio di Chieti e Pescara
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Lettere
  Relatore: Raffaella Papi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 192

La tesi di laurea non è stato solo un semplice riepilogo di tutte le conoscenze acquisite sulle varie manifestazioni della religiosità dei Peligni fino al I sec. a.C., ma anche e soprattutto una rilettura critica delle stesse, nel tentativo di creare collegamenti logici fra elementi spesso distanti nello spazio e nel tempo.
La tesi si articola in tre capitoli, cui fanno da corredo due appendici, le tavole delle illustrazioni e le note bibliografiche che hanno cercato essere il più possibile esaustive.
Nel primo capitolo – “Il pantheon peligno e i ministri del culto” – è presentata una ricostruzione del pantheon di riferimento del popolo peligno e delle figure incaricate di essere il tramite tra le divinità e gli uomini, basata essenzialmente sulle uniche fonti disponibili (quelle epigrafiche e materiali mobili) per una comunità che non ha lasciato una propria letteratura.
Il secondo capitolo – “Per una ‘geografia del sacro’: i luoghi del culto” – si occupa, dopo una breve introduzione sul territorio peligno, di ricostruire la “geografia sacra” dei Peligni, intesa come la dislocazione spaziale dei luoghi di culto (santuari, templi, ecc.).
Il terzo ed ultimo capitolo – “Persistenze e trasformazioni” – è un tentativo di far riflettere su come alcune tradizioni e manifestazioni religiose presenti attualmente o nel recente passato in territorio peligno possano apparire come relitti di usanze più antiche e su come, inconsapevolmente, i Peligni di oggi tengano vivo il ricordo della religiosità degli antichi progenitori.
Le due Appendici vanno intese come integrazioni necessarie alla piena intelligenza del lavoro svolto: la prima (A), infatti, è una silloge delle testimonianze epigrafiche note sull’argomento, mentre la seconda (B) si compone di una serie di schede in ognuna delle quali viene illustrato un luogo di culto, una completa trattazione del quale all’interno del capitolo dedicato avrebbe oltremodo appesantito la struttura del capitolo stesso. L’Appendice B presenta inoltre due sub-appendici che trattano “I luoghi della tradizione” (C) e “I luoghi ‘sconosciuti’ ” (D).

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

Disponibile solo in CD-ROM.

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
LA RELIGIONE DEI PELIGNI 4 PREFAZIONE L’argomento di questa tesi di laurea, “La religione dei Peligni”, è stato per me una materia di studio interessantissima, perchè a mio parere il sentimento religioso, in tutte le sue forme e manifestazioni, è l’unica costante della storia dell’uomo, che in tempi e luoghi diversi ha sempre percepito la propria natura fragile e caduca e, di conseguenza, ha avuto la necessità di trovare “qualcosa” stimato superiore cui affidarsi; a conferma di ciò, porto la testimonianza di Honoré de Balzac, che nel suo Catechismo sociale afferma: “una società di atei inventerebbe subito una religione”. Questo argomento, però, si è rivelato per me potenzialmente infinito, per la mole delle attestazioni epigrafiche e delle testimonianze materiali (mobili e immobili) che ad esso possono essere ricondotte, pur avendo stabilito fin dal principio un ambito cronologico di riferimento, che si pone come terminus post quem non il I sec. a.C. Per questo motivo il mio compito è consistito non solo nel reperire tutto il materiale pubblicato sull’argomento ma, essenzialmente, nel rielaborarlo criticamente per presentarlo in maniera sintetica. Questo lavoro, però, non vuol essere solo un semplice riepilogo di tutte le conoscenze acquisite sulle varie manifestazioni della religiosità dei Peligni fino al I sec. a.C., ma anche e soprattutto una rilettura critica delle stesse, nel tentativo di creare collegamenti logici fra elementi spesso distanti nello spazio e nel tempo. La tesi si articola in tre capitoli, cui fanno da corredo due appendici, le tavole delle illustrazioni e le note bibliografiche che spero possano essere il più possibile esaustive. Nel primo capitolo – “Il pantheon peligno e i ministri del culto” – è presentata una ricostruzione del pantheon di riferimento del popolo peligno e delle figure incaricate di essere il tramite tra le divinità e gli uomini, basata essenzialmente sulle uniche fonti disponibili (quelle epigrafiche e materiali mobili) per una comunità che non ha lasciato una propria letteratura. Il secondo capitolo – “Per una ‘geografia del sacro’: i luoghi del culto” – si occupa, dopo una breve introduzione sul territorio peligno, di ricostruire la

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

Disponibile solo in CD-ROM.

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

abruzzo
archeologia
castelvecchio subequo
corfinio
ercole
peligni
popoli italici
religione
sulmona

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi