Skip to content

Aristotele e Peirce nella svolta pragmatista di Giovanni Vailati: logica, epistemologia, psicologia.

Informazioni tesi

  Autore: Enrico Fico
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi Gabriele D'Annunzio di Chieti e Pescara
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Filosofia
  Relatore: Giulio Abelardo Lucchetta
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 107

Il pensiero di Giovanni Vailati nelle sue plurime manifestazioni.
Partendo dalla definizione di "pragmatismo logico" si è tentato di rintracciare le ascendenze logiche e le implicazioni epistemologiche dell'adozione della metodologia pragmatista. Lungi dall'essere considerato alla stregua del relativismo conoscitivo, la versione logica del Pragmatismo del Vailati vuole costituirsi come "un meth - odos", ossia una strada lungo cui porsi per giungere ad una conoscenza certa, adeguata e praticamente valida. Per dare il giusto colore alle sfumature teoriche vailatiane, si è considerato necessario rintracciare all'interno del suo pensiero i punti di contatto con la logica aristotelica e il pragmaticismo di C. S. Peirce, nonchè con la psicologia di impostazione empirica del Brentano, influenze delle quali tenta di fare una sintesi organica. Il risultato è una teoria logica e matematica che arricchisce la conoscenza umana tanto dal punto di vista teorico, quanto da quello pratico, e che tenta di contaminare con i suoi risultati più brillanti tutti i vari ambiti del sapere umano, primo fra tutti la filosofia.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione. Accostarsi alla figura di Giovanni Vailati, significa porre l’attenzione su un macrocosmo culturale che si produsse nella seconda metà del XIX sec. che non può e, non deve, subire limitazioni di nessun genere, e deve essere tenuto ben presente per riuscire a comprendere a fondo il suo pensiero. La poliedricità del carattere del nostro filosofo – matematico, scienziato, pedagogista, recensore; la multiformità dei suoi interessi – che spaziano dalla scienza alla gnoseologia, dalla matematica alle scienze storiche, dalla pedagogia alla psicologia, dalla filosofia alle scienze umane - e la conseguente varietà della sua produzione scritta, creano intorno alla figura del filosofo cremasco una folta rete di relazioni con altri intellettuali a lui contemporanei, con i quali stabilisce spesso relazioni epistolari, e dai quali mutua, non di rado, posizioni e teorie, apportando, ovviamente, originali modifiche. Si tratta di un a rete di relazioni che non possiede limiti geografici, perché tocca gli Stati Uniti, ma anche tutta la zona austro-ungarica e la Francia, nonché l’Inghilterra. E si tratta, tra l’altro, di intellettuali del calibro di C.S. Peirce, W. James, F. Brentano, E. Mach, Peano, Enriquez, L. Einaudi, G. Amendola, M. Calderoni, V. Pareto, G. Papini, G. Prezzolini, G. Pikler, V. Lady Welby, L. Limentani, G. Vacca e molti altri. Si comprende quindi come la figura di Vailati riesca a portare in Italia una ventata di freschezza culturale, un respiro di internazionalità, che dunque crearono un ponte tra l’Italia e il resto del mondo, che tentò di renderla meno provinciale e chiusa nel nascente Neoidealismo, che avrebbe, poi, trattenuto la sua egemonia culturale per circa un trentennio. E accostarsi alla figura di Giovanni Vailati significa, proprio per questo suo carattere innovativo, anche avvicinarsi ad una filosofia di nicchia, che in Italia trovò solo piccoli bacilli, e che venne legittimata dalla storia solo in un secondo momento. Il pensiero del nostro matematico, quindi, deve essere visto tanto sotto il profilo della dilatazione internazionale che esso possiede, quanto della ristrettezza nazionale che la sua diffusione subì. La figura atipica di Giovanni Vailati va, dunque, inserita nell’ambiente culturale italiano in momento (la seconda metà dell’Ottocento) in cui veniva abbandonato 1

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

abduzione
aristotele
c. s. peirce
deduzione
f. brentano
filosofia della scienza
g. vailati
logica matematica
pragmatismo
psicologia empirica

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi