Skip to content

Classificazione delle tecnologie pulite e applicazione nell'industria metalmeccanica

Informazioni tesi

  Autore: Rita Veglia
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1998-99
  Università: Università degli Studi di Milano - Bicocca
  Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali
  Corso: Scienze Ambientali
  Relatore: Domenico Giusto
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 200

La tesi si propone di caratterizzare le tecnologie pulite (TP) attraverso idonei parametri di classificazione per lo sviluppo di strumenti di comunicazione significativi e completi.
Nell’ambito industriale, economico e legislativo, l’interesse per le TP si è accresciuto ampiamente negli ultimi dieci anni ma permangono discordanze sul reale significato di questa terminologia. Nella trattazione si è convenuto di utilizzare questo termine perché è uno dei più diffusi in Italia pur portando in sé una contraddizione. Processi produttivi che abbiano un impatto zero sull'ambiente, siano cioè puliti, non esistono. Al limite essi possono raggiungere un livello minimo o relativamente ottimale di prelievo di risorse e di rilascio di emissioni. In effetti a scala internazionale la dicitura è "produzione più pulita" (cleaner production) ma anche qui si implica un termine di paragone che lascia spazio ad ambiguità (rispetto a quale riferimento?).
Se risulta già difficoltoso trovare la terminologia appropriata, lo è ulteriormente accordarsi su quali interventi nei processi produttivi possano rientrare in questa categoria. In questo lavoro si propende per un’interpretazione meno restrittiva di quella adottata da alcuni organismi internazionali (EPA Statunitense) e quindi sia i processi che le aziende non vengono considerati delle entità isolate bensì come parte interagente di un ecosistema industriale. Abbracciando quindi questo approccio le TP vengono definite come tutti quegli interventi nel processo o sul prodotto che permettono di risparmiare risorse, prevenire le emissioni e riutilizzare gli scarti internamente o esternamente all’azienda.
Inizialmente sono state valutate le modalità di incentivazione nazionali ripercorrendo la normativa ambientale, i sostegni economici e gli strumenti volontari. La legislazione appare non totalmente matura ma si ravvisano alcuni significativi segnali di interesse. Probabilmente l’adesione volontaria delle imprese ai sistemi di certificazione ambientale o le etichette ecologiche sui prodotti risultano le vie più promettenti al riguardo. In Italia, a differenza di altri Paesi europei, manca tuttora una pianificazione delle iniziative e un monitoraggio dell’effettiva applicazione delle TP nell’industria.
Un ulteriore punto critico, non solo italiano, è la necessità di informare correttamente sui presunti benefici ambientali ed economici degli interventi. Sono stati realizzati numerosi studi su imprese che hanno adottato le TP e resi disponibili i risultati in Internet o presso altre fonti; le informazioni che se ne traggono spesso sono incomplete e soprattutto non confrontabili. Difficoltà nel reperimento dei dati, reticenza delle imprese e strutture parzialmente inadeguate sono alcuni tra i motivi che non permettono una comunicazione valida. Sulla base di questi presupposti, dopo attenta analisi e individuazione dei parametri di classificazione delle TP (tipologia di interventi, fattori di impatto ecc.), si è progettato un database con Microsoft Access.
L'organizzazione dei dati è stata approntata sul modello relazionale: le informazioni sono state aggregate in base a criteri di omogeneità in strutture dati (tabelle) legate fra di loro da relazioni. Si è poi proceduto alla selezione dei documenti reperiti presso diversi siti Internet (Epa statunitense, Unep ecc.). L'elevato numero ha comportato la restrizione dell'analisi al settore metalmeccanico, in particolare ai trattamenti superficiali dei metalli. Sono stati quindi raccolti e inseriti nel database circa cento casi. Infine, attraverso opportune selezioni di ricerca sono stati creati grafici e report che forniscono un quadro sintetico delle informazioni in essi contenuti. I risultati di riepilogo sono stati analizzati verificando la significatività e la comparabilità dei dati. Quest'ultima si presenta difficile in quanto mancano, ad esempio, i riferimenti alla dimensione delle imprese, alle quantità prodotte e altri elementi utili.
Tali osservazioni hanno costituito il supporto per l'elaborazione di un modello di case study che possa mettere in luce, in modo chiaro e il più possibile completo, l'effettiva portata degli interventi adottati (aspetti positivi e negativi ecc.). Questo strumento di comunicazione è stato applicato a un caso reale, le "Trafilerie San Paolo" di Arcellasco d'Erba in provincia di Como.
Questa azienda di dimensioni medio piccole produce acciaio in matasse e in barre. Dal 1978 ha posto in essere numerosi azioni per diminuire i consumi d'acqua, richiesti dai trattamenti superficiali dei metalli, e la produzione di rifiuti. Attraverso l'analisi delle contabilità ambientali degli anni 1994-1998 sono stati realizzati due approfondimenti: il primo sugli interventi applicati al decapaggio chimico e il secondo sul decapaggio meccanico.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
91 Tecnologie pulite: definizione Introduzione Nell’ultimo decennio si è assistito al passaggio da una logica di disinquinamento ad una di prevenzione e le tecnologie pulite (TP) rappresentano la chiave di svolta di questo cambiamento. Permangono, comunque, differenti punti di vista su questo concetto, probabilmente dovuti alla sua recente diffusione. Qui di seguito si presentano alcune definizioni attuali di autorevoli organismi internazionali. Alla luce di queste è stata fornita l’interpretazione utilizzata in questa trattazione. 1.1 Concetto di tecnologie pulite: linee evolutive Le TP si presentano come una delle vie più promettenti per la realizzazione dello “sviluppo sostenibile” in quanto coniugano tutela ambientale e profitto economico. Le politiche ambientali tradizionali fondate sugli interventi di disinquinamento si sono rivelate inefficienti da entrambi i punti di vista. Le tecnologie a valle del processo produttivo pur riducendo l'impatto ambientale concentrano e trasferiscono gli inquinanti da un comparto all'altro. Ad esempio la depurazione delle acque genera fanghi che a loro volta devono essere smaltiti. Un approccio

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

ambiente
cleaner production
comunicazione ambientale
contabilità ambientale
decapaggio chimico
iso 14000
legislazione ambientale
tecnologie pulite

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi