Skip to content

L’internal audit nelle banche. Il sistema dei controlli interni ed i rischi dell’attività bancaria.

Informazioni tesi

  Autore: Fabrizio Aniballi
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Roma Tor Vergata
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia e Management
  Relatore: Alessandro Gaetano
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 195

Lo scopo del mio lavoro risponde alla volontà di descrivere un mondo in evoluzione.
Le banche sono state negli ultimi anni sottoposte a cambiamenti organizzativi difficilmente preventivabili, principalmente in risposta alla constatazione che quelli che erano i rischi principali cui era sottoposta tale organismo, cioè i rischi derivanti dal mercato e dal credito, hanno progressivamente ceduto il passo, in termini di risorse ed attenzioni, a quei rischi intrinseci nella gestione bancaria, ovvero i rischi operativi e quelli di mancata conformità alle leggi. Da questa constatazione, emerge una domanda. Forse che la reputazione di una banca sia maggiormente da tutelare piuttosto che la vigilanza del credito? Non lo si creda.
Data questa premessa, introduciamo la componente fondamentale della nostra trattazione, l’internal audit, componente fondamentale del Sistema dei Controlli Interni, che ha come finalità quella del miglioramento dell’efficacia e dell’efficienza dell’organizzazione, la quale viene da questa assistita nel processo di valutazione e miglioramento dei processi di controllo, di gestione dei rischi e di corporate governance.
Se partiamo da questa definizione, vediamo come i tre aspetti sui quali tale funzione si concentra sono, appunto, il processo di controllo, la gestione dei rischi e la corporate governance. E sono proprio questi tre aspetti che andremo ad indagare nel presente lavoro. Partiremo, quindi, dall’analisi dei presidi interni che la banca mette in atto tramite l’internal audit, strumento di verifica indipendente all’interno ed al servizio della banca, al quale è affidato il compito di esaminarne e valutarne le attività. Tale attività ha visto la luce ormai oltre cinquantanni fa, e negli ultimi anni il suo ruolo si è notevolmente allargato: non più solo controllore della regolarità contabile e gestionale, ma vero e proprio strumento di consulenza, che assiste l’organizzazione nel perseguimento dei propri obiettivi. Il tutto tramite un approccio professionale volto a valutare e migliorare i processi di controllo, di gestione dei rischi e di corporate governance. Andremo, quindi, a capire i motivi di tale evoluzione e a vedere come la normativa e gli assetti organizzativi delle banche hanno accompagnato tale passaggio.
Nel secondo capitolo, analizzeremo questa funzione dal punto di vista dei rapporti con gli altri organi aziendali, il Consiglio d’Amministrazione, l’Alta Direzione, il Collegio Sindacale, la Società di Revisione e la funzione di Risk Management, tenute ben presenti gli interventi normativi ed i regolamenti passati e più recenti. Andremo, quindi, ad analizzare il perimetro in cui l’internal audit opera, partendo però dal punto di vista delle altre funzioni, delineando le zone di sovrapposizione e di eventuali rischi gestionali.
Nel terzo capitolo, l’attenzione sarà incentrata sugli altri due aspetti sopraindicati, quello del processo di gestione dei rischi e della strutturazione di una corporate governance adatta a tale finalità. Per Corporate Governance, infatti, si intende il sistema delle regole che ha per oggetto il complesso di relazioni che, in ogni società di capitali, viene a porsi tra azionisti, managers, amministratori ed ogni altro tipo di strategic stakeholder dell’azienda. Il tema della corporate governance nelle banche può, quindi, essere affrontato analizzando le tecniche di gestione e controllo finalizzate ad un adeguato governo dei rischi aziendali in un contesto in forte evoluzione. Ed è proprio questo il tipo di analisi che abbiamo come obiettivo di portare avanti.
Nel quarto ed ultimo capitolo, ad appendice del discorso sin qui intrapreso, andremo ad affrontare il caso di una Funzione di Internal Audit di una Banca. Analizzeremo, infatti, in presa diretta una funzione di internal audit di una generica Banca Alpha. Ne andremo ad analizzare le componenti, le loro logiche organizzative, la mission e le responsabilità. Concluderemo, poi, con caso pratico di accertamento, con la valutazione del Sistema dei Controlli Interni posti a presidio di una determinata tipologia di rischio. Questo, con l’intento di rendere meno accademica e fumosa la nostra trattazione.
Per capire l’importanza del soggetto alla base del presente lavoro, citiamo una definizione del Grossi, secondo cui “l’Internal Auditing è uno degli elementi che compongono il Sistema di Controllo Interno di un’azienda; un efficace Sistema di Controllo Interno, a sua volta, è la risposta razionale al problema di come amministratori e direttori possono far fronte alle loro pesanti responsabilità in materia di trasparenza informativa, correttezza gestionale, efficacia ed efficienza”.La conclusione a cui aspiriamo di arrivare è quella di far emergere degli spunti critici nell’analisi di una componente che, come vedremo, è sottoposta ad una forte e pressante spinta evolutiva.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Lo scopo del mio lavoro risponde alla volontà di descrivere un mondo in evoluzione. Le banche sono state negli ultimi anni sottoposte a cambiamenti organizzativi difficilmente preventivabili, principalmente in risposta alla constatazione che quelli che erano i rischi principali cui era sottoposta tale organismo, cioè i rischi derivanti dal mercato e dal credito, hanno progressivamente ceduto il passo, in termini di risorse ed attenzioni, a quei rischi intrinseci nella gestione bancaria, ovvero i rischi operativi e quelli di mancata conformità alle leggi. Da questa constatazione, emerge una domanda. Forse che la reputazione di una banca sia maggiormente da tutelare piuttosto che la vigilanza del credito? Non lo si creda. Data questa premessa, introduciamo la componente fondamentale della nostra trattazione, l’internal audit, componente fondamentale del Sistema dei Controlli Interni, che ha come finalità quella del miglioramento dell’efficacia e dell’efficienza dell’organizzazione, la quale viene da questa assistita nel processo di valutazione e miglioramento dei processi di controllo, di gestione dei rischi e di corporate governance. Se partiamo da questa definizione, vediamo come i tre aspetti sui quali tale funzione si concentra sono, appunto, il 5

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

banche
basilea2
compliance
internal audit
revisione aziendale
rischi bancari
sistema controlli interni

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi