Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Scienza e filosofia in Karl Popper

Karl Popper, epistemologo del '900, ma anche sociologo, opinionista e filosofo, in molte delle sue opere si è occupato di ricercare un criterio di demarcazione tra filosofia e scienza. Nel confronto risalteranno molte differenze, metodologiche e logiche, ma in un contesto che resterà unico: il sapere, il "miracolo" della conoscenza. Un miracolo che non è mai completamente svelato e risolto perchè infinita è la ricerca. Non c'è quindi certezza nel sapere, ma solo continui tenativi e ipotesi che aspettano di essere corroborati dalla realtà per essere magari confutati.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE Karl Raimund Popper fu sicuramente un filosofo prolifico e la sua epistemologia, fra tutti i campi che egli trattò, è quella che ha sollevato le critiche più severe e più numerose, ma anche non poche adesioni. Ne sono una prova i libri scritti su Popper e contro Popper, sia da filosofi che da scienziati. Su di lui, quindi, è stato scritto tanto e il suo pensiero è stato studiato sotto ogni aspetto, per cui una tesi che parlasse non criticamente del suo pensiero correrebbe il rischio di essere una riflessione di cose dette, forse meglio, da altri. Tratterò in questa mia tesi la posizione di Popper sulla demarcazione tra scienza e metafisica. Problema che con le parole di Popper così si definisce: « Chiamo problema della demarcazione il problema di trovare un criterio che ci metta in grado di distinguere tra le scienze empiriche da un lato e la matematica e la logica, e così pure i sistemi “ metafisici ”, dall’altro ». 1 Si tratta dello stesso problema che « ha interessato diversi filosofi, fin dal tempo di Bacone. […] L’opinione più diffusamente accolta era che la scienza fosse caratterizzata dalla sua base osservativa, ovvero dal 1 Karl Popper, Logica della scoperta scientifica. Il carattere auto correttivo della scienza. Biblioteca Einaudi, Torino, 1998, p. 15

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Valentina Emanuele Contatta »

Composta da 141 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6682 click dal 21/03/2008.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.