Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Identità regionali: il caso spagnolo e italiano. Una specifica comparazione tra Comunidades Autònomas e Sardegna.

La comparazione delle scelte identitarie fra le regioni della Spagna e quelle dell' Italia nella stesura dei nuovi statuti. In particolare l'analisi della stesura del nuovo Statuto sardo: l'esperinze delle Comunità autonome spagnole possono aiutare nella redazione della Carta fondamentale sarda?Questa comparazione alla luce dei diritti millenari del popolo sardo.

Mostra/Nascondi contenuto.
6 Introduzione Con il presente lavoro di tesi ci si propone di realizzare un’analisi comparatistica relativa al ruolo di due Paesi per storia, cultura e tradizioni assai caratteristiche e, per certi versi, simili, organizzati, però, secondo forme di governo distinte: l’Italia, modellata sullo schema della repubblica parlamentare e la Spagna, ricalcante i tratti della monarchia parlamentare. In particolare, qui si vuole affrontare un discorso sulla moderna autonomia e sugli strumenti istituzionali che la regolano, per tutelare i diritti propri delle diverse identità, a cominciare dal concetto di Stato, “entità socio-politica composta da uno o più popoli stanziati all’interno di un territorio e legati tra loro da una potestà d’impero”. La Spagna, infatti, sta attraversando un periodo di grande sviluppo economico, sociale e culturale, superiore a quello delle altre nazioni europee se rapportato alle condizioni di partenza, pur essendovi ancora problemi di disuguaglianze materiali sparse nel suo vasto territorio, determinati, in parte, dalla presenza di un’amministrazione decentrata e frantumata in Comunidades Autònomas differenziate dal punto di vista normativo, competenziale, civile ed economico. Con grande senso di responsabilità politica, i costituenti del 1978 spazzarono via il forte centralismo del potere franchista per dare spazio al grande desiderio di autonomia regionale (in grande ritardo rispetto ai paesi europei), di popolazioni la cui storia era stata vissuta per secoli in condizioni di differenti peculiarità sociali, culturali ed etniche. L’”Estado autonomico” spagnolo è oggi considerato un modello che riceve da più parti entusiastici consensi, ma che presenta delle problematiche che, in tale tesi, si cercherà di descrivere.

Laurea liv.I

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Emanuela Zara Contatta »

Composta da 96 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1849 click dal 26/03/2008.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.