Skip to content

Nuove strategie didattiche. Due mondi a confronto. Italia e Spagna, problemi e prospettive

Informazioni tesi

  Autore: Rita Rana
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2006-07
  Università: Università Cattolica del Sacro Cuore di Brescia
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Scienze della Formazione Primaria
  Relatore: Pietro Gardani
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 225

Abstract

In questo lavoro di ricerca si analizza qual è il futuro che si prospetta, in Italia, per la scuola, muovendosi dalla progettazione didattica sino alle proposte di strategie didattiche. Tale riflessione matura dall’analisi di sondaggi internazionali sugli apprendimenti e sui rendimenti degli alunni italiani, nei quali sondaggi l’Italia sprofonda in coda alle statistiche europee. Da ciò nasce l’esigenza di ascoltare il grido di dolore che si eleva dalla scuola. La scuola che ha come compito l’istruzione e l’educazione degli allievi fallisce nei suoi obiettivi.
La scelta di comparare il sistema didattico italiano con quello iberico non è casuale ma in altra sede è stato possibile riscontrarne differenze di carattere istituzionale, legislativo e organizzativo.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Premessa Il presente lavoro di ricerca intende condurre una riflessione e un confronto sul piano della metodologia didattica per cercare di capire come si spiega la metodologia ermeneutica ancora imperante. La metodologia della programmazione curricolare, le Indicazioni nazionali per i piani di studio personalizzati e le Indicazioni per il curriculo, possono relazionarsi, conciliarsi o trovare un via di attuazione nel modello ermeneutico esistenziale. Dagli anni ’70 1 ,é stata introdotta nella scuola italiana la programmazione curricolare di competenza, sul piano educativo, del Collegio dei docenti (prima il PEI [Piano Educativo Istituto] e in seguito il POF [Piano dell’Offerta Formativa] e sul piano didattico, dei Consigli di classe, interclasse e del singolo docente. Pur seguendo la continuità 2 , si segna un profondo cambiamento di rotta. Risulta infatti assente qualsiasi riferimento al concetto di programmazione educativa e didattica. La ricerca inoltre, sarà orientata all’analisi della novità introdotta dalla pianificazione strategica e reticolare e delle sue modalità di attuazione per vedere come la metodologia ermeneutica può collocarsi nella nuova condizione didattica e se la sua proposta sperimentale può trovare una possibile accoglienza ed uno spazio di creativa realizzazione. Con l’introduzione del PECUP (Profilo Educativo Culturale e Professionale) 3 e delle Indicazioni nazionali, la Riforma Moratti prescrive, l’abbandono della logica dei Programmi. 1 DPR (decreto del presidente della repubblica) , 31 maggio 1974, n. 416 e successive modifiche sino al DPCM ( decreto del presidente del consiglio dei ministri) , Carta dei servizi, 1995. 2 Cfr, D.L. n. 53/2003 e il successivo D.L.vo n. 59/2004. 3 Il PECUP è redatto alla fine del primo ciclo scolastico (6-14 anni). Esplicita ciò che ogni studente deve sapere e fare per essere l’uomo e il cittadino atteso al termine del primo ciclo d’istruzione. Mette in luce il passaggio dalle conoscenze disciplinari/interdisciplinari (sapere) e dalle abilità operative (fare), apprese ed esercitate nel sistema formale, non formale ed informale, alle competenze personali. Un ragazzo è riconosciuto 5

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

approcci strategici
cinema nella scuola
ermeneutica
fallimento della politica italiana
fallimento della scuola italiana
lavagna digitale
modello generativo
modello scuole efficaci
modello sistematico funzionale
pecup, psp, osa, uda
pianificazione micro-tattico-operativo
programmazione curricolare
proyecto escuela pequena
soluzione dei problemi
spagna
statistiche rendimento scolastico
strategica-reticolare

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi