Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il consenso del paziente nel trattamento medico

L’elaborato si propone di illustrare le problematiche inerenti il consenso del paziente nell’ambito dell’attività medico-chirurgica, anche attraverso l’analisi dei vari orientamenti dottrinali e giurisprudenziali, e con particolare riferimento al delicato tema dell’eutanasia.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 I IL CONSENSO INFORMATO E’ affermazione ricorrente che il consenso informato del paziente sia presupposto indefettibile di legittimità del trattamento medico. L’accostamento dell’aggettivo informato al concetto di consenso esprime molto di più di un generico dovere di informazione del medico: tale formulazione sottende, infatti, una nuova concezione del rapporto medico- paziente, tendente a superare la visione puramente filantropica, se non paternalistica, del medico, quale soggetto gravato del dovere di curare, ma fornito per contro di un potere incondizionato circa la scelta terapeutica e le sue modalità di attuazione. In passato, tutto il processo decisionale era imperniato sulla figura del medico, unico capace di determinare il corso degli eventi. L’emergere del paziente quale soggetto di decisioni impone di stabilire un maggior equilibrio ed equità nei ruoli di tale rapporto. Porre il consenso informato alla base del rapporto tra medico e paziente equivale, dunque, a rovesciare tale concezione tradizionale dell’attività medica: nella nuova prospettiva, i doveri del medico sono subordinati ai diritti del malato e in primis alla sua libertà di autodeterminazione. “Il consenso informato mira cioè a porre al centro dell’attenzione del medico non solo, o non soltanto, la malattia, ma la persona

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Cecilia Persia Contatta »

Composta da 233 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4274 click dal 03/04/2008.

 

Consultata integralmente 19 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.