Skip to content

Le migliori tecniche disponibili (Bat) nel settore delle piastrelle ceramiche. Progettazione e simulazione del ''Bref''.

Informazioni tesi

  Autore: Sante Bucca
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1998-99
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: Ingegneria Chimica
  Relatore: Carlo Palmonari
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 225

A partire dagli anni '80 è cresciuta la sensibilità dell'opinione pubblica verso le problematiche ambientali e più sentita è l'esigenza di assicurare uno sviluppo economico responsabile a vantaggio delle future generazioni.
I principi dello ''sviluppo sostenibile'' trasformano l'ambiente in oggetto di strategie di impresa, elemento di concorrenza per la conquista di nuovi mercati e stimolo all'innovazione tecnologica, in uno scenario in cui le politiche ambientali mirano alla condivisione delle responsabilità tra i diversi attori coinvolti.
L'Unione Europea ha emanato la Direttiva 96/61 CE con lo scopo di ottenere una prevenzione ed un controllo integrati dell'inquinamento proveniente dai diversi settori produttivi, attraverso interventi alla fonte delle attività inquinanti, con l'obiettivo di conseguire un elevato livello di protezione dell'ambiente nel suo complesso.
Il mezzo fornito dalla Direttiva per raggiungere lo scopo prefissato, consiste nell'applicazione delle ''best available techniques'' (BAT) futuro riferimento per la fissazione dei valori limite di emissione (VLE) degli inquinanti, valori che compariranno nella concessione autorizzativa di ogni sito produttivo.
La stessa Direttiva fornisce i criteri guida per l'individuazione di tali tecniche e suggerisce lo scambio di informazioni, tra i Paesi UE e le industrie interessate sulle BAT, come strumento per giungere alla loro definizione.
Il risultato finale di questa attività di scambio sarà un rapporto denominato ''BAT Reference Document'' (BREF), riconosciuto ed accettato da tutti come riferimento obbligatorio.
L'obiettivo di questa Tesi è la progettazione e la simulazione del BREF relativo al settore delle piastrelle ceramiche. Saranno individuate le linee guida per la sua predisposizione ed i requisiti del contributo italiano in merito, alla luce dei ''vincoli e del contesto'' in cui l'industria ceramica italiana si muove.
L'industria italiana delle piastrelle ceramiche, che rappresenta una realtà produttiva fortemente inserita nel territorio della regione Emilia-Romagna ed è leader europea del settore, è particolarmente interessata alle tematiche trattate dalla Direttiva, in virtù di un'attenzione più che ventennale alle problematiche ambientali e di una situazione normativa particolarmente pesante, che ne ha aumentato i costi di produzione, con riflessi negativi in termini di competitività sui mercati mondiali.
La presentazione a livello comunitario di un ''convincente'' documento di settore sulle BAT, basato sulla esperienza maturata dall'industria ceramica italiana in materia di prevenzione e riduzione dell'inquinamento, può quindi permettere un auspicato riequilibrio, in termini di interventi ambientali, tra il settore ceramico italiano e quello degli altri Paesi.
La Tesi svolta rappresenterà una parte del contributo italiano al lavoro sulle BAT.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 Introduzione A partire dai primi anni ottanta, ed in maniera sempre più sentita, si è acuita la sensibilità dell’opinione pubblica verso le problematiche ambientali. Accanto alla necessità di proteggere le risorse fondamentali e l’ambiente, è avvertita da tutti l’esigenza di assicurare uno sviluppo economico responsabile a vantaggio delle future generazioni. Sotto questa crescente spinta, anche a fronte di oggettive “emergenze ambientali” quali l’effetto serra ed il “buco dell’ozono”, il fattore ambiente ha assunto il ruolo di importante criterio di selezione delle tecnologie di processo e dei prodotti nei cicli produttivi. L’ambiente diviene così oggetto di strategie di impresa, elemento di concorrenza per la conquista di nuovi mercati e stimolo all’innovazione tecnologica, in uno scenario di politica per l’ambiente che punta su una responsabilità condivisa tra vari attori. Il raggiungimento di certi obiettivi richiede, anzi tutto, un diverso atteggiamento politico. L’impostazione tradizionale delle normative di interesse ambientale risulta eccessivamente coercitiva; essa si basa su criteri di accettabilità del grado di inquinamento, fissati in funzione di valutazioni teoriche che non tengono sufficientemente conto delle dinamicità del sistema ambientale e di quello aziendale. Manca inoltre una visione integrata del sistema ambiente che costituisce un sistema complesso, con molteplici ingressi ed uscite. La situazione italiana rappresenta un caso abbastanza eloquente; le tre leggi quadro sull’inquinamento atmosferico (D.P.R. 203/88), sull’inquinamento idrico (L. 319/76) e sui rifiuti/residui (D.Lgs. 22/97 con le successive modifiche ed integrazioni), pur nell’intento di contribuire alla protezione dell’ambiente, non sono in grado di prevenire totalmente il rischio di trasferimento di un inquinante da un mezzo ambientale all’altro. In certi casi, inoltre, si è imposto l’adozione di sistemi di depurazione, quindi “end of pipe”: questo rappresenta talora un freno allo sviluppo tecnologico e un’evidente costrizione ai danni dell’impresa con un aggravio, a volte ingiustificato, dei costi produttivi. Occorre inoltre considerare il rischio del “dumping ambientale” ossia la delocalizzazione degli impianti produttivi verso aree dove i costi sono minori, le normative meno stringenti e la domanda più dinamica. Questo pericolo, di natura anche sociale, richiede l’adozione di politiche di elevata sensibilità ambientale in grado di fare acquisire al “fattore ambiente” la valenza di opportunità allo sviluppo.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

ambiente
bat reference document
best available techniques
bref
ceramica
life cycle assessment
piastrelle
sviluppo sostenibile

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi