Skip to content

I sistemi informativi nell'Azienda Sanitaria

Informazioni tesi

  Autore: Gaetano Scavuzzo
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi di Palermo
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Scienze della comunicazione sociale e istituzionale
  Relatore: Raimondo Ingrassia
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 170

La continua evoluzione del sistema sanitario in Italia e la complessità della gestione organizzativa dello stesso rende necessario fare luce sui processi organizzativi degli attori che operano in tale sistema, chiamati da un lato a governare l’ampia incertezza circa la disponibilità di risorse, da cui la conseguente necessità del contenimento della spesa pubblica, e dall’altro a gestire la trasformazione dello scenario epidemiologico e sociale di riferimento che ha modificato la struttura della domanda di prestazioni sanitarie e reso più complessa l’erogazione dei servizi.
Una fattore strategico trasversale all’intera organizzazione sanitaria è sicuramente rappresentato dalla gestione dei flussi informativi, ovvero l’ Information and Communication Technology (ICT), in sanità definita anche con il termine di [email protected], un modello basato sulle strutture e sugli strumenti che permettono la condivisione di informazioni strutturate tra operatori sanitari e l’integrazione di informazioni cliniche, organizzative e amministrative.
L’introduzione e l’evoluzione di ICT in un’organizzazione comporta inevitabilmente un cambiamento nella struttura organizzativa e nella gestione e implementazione dei processi organizzativi ed in relazione a ciò vedremo che diviene fondamentale non procedere per tentativi, ma sarà necessario attuare una strategia di pianificazione e programmazione per introdurre, gestire e monitorare le ICT.
Al fine di trovare il giusto equilibrio tra la spinta della tecnologia, che inevitabilmente conduce all’incremento dei costi della sanità, e le nuove politiche sanitarie che puntano sulla centralità del paziente diventa necessario fornirsi di un quadro interpretativo il più completo possibile che vada a toccare una serie di aspetti cruciali: gli strumenti che le ICT offrono, le reali esigenze informative delle strutture sanitarie e come le tecnologie informative cercano di soddisfare tali esigenze, le problematiche organizzative che l’implementazione di nuovi sistemi informativi comporta, la loro valutazione e monitoraggio nell’ottica della razionalizzazione delle risorse.
Nella volontà di fornire un supporto all’interpretazione delle problematiche appena descritte si colloca questo lavoro. Il percorso dello stesso parte da uno sguardo complessivo sulle questioni relative alla gestione dei flussi informativi nelle organizzazioni in generale. Solo dopo aver presentato e analizzato le relazioni tra ICT e processi organizzativi essenziali e aver passato in rassegna le varie tipologie di sistemi informativi computer based e i sistemi di integrazione degli stessi, il focus si sposta sull’organizzazione del servizio sanitario italiano delineandone lo sfondo legislativo su cui esso si fonda, la struttura organizzativa alla luce del processo di cambiamento degli ultimi decenni, la cosiddetta “aziendalizzazione” ed i processi organizzativi delle aziende sanitarie per definire così le cornici entro le quali nasce il nuovo fabbisogno informativo in sanità.
Coniugando ICT e fabbisogno informativo nel terzo capitolo, partendo da una breve rassegna degli approcci teorici, ci si addentra nell’analisi dei sistemi informativi adottati nel settore sanitario, illustrandone alcuni come l’Hospital Resource Planning e l’Enterprise Resource Planning. Nell’ultima parte l’attenzione si focalizza sulle varie aree (amministrativo-contabile, clinica, direzionale, relazioni esterne) in cui il sistema informativo sanitario va realizzato per rispondere a esigenze informative differenti ma non scollegate tra loro, ed in ultimo si passa ad analizzare il problema della valutazione delle ICT attraverso il modello dell’[email protected] technology assessment.
A conclusione del lavoro si sottolinea l’esigenza che, per soddisfare la nuova e complessa domanda dei servizi sanitari, bisogna pianificare, programmare e valutare i processi che portano alla scelta e alla successiva implementazione del sistema informativo ritenuto più adatto, favorendo e promuovendo l’integrazione di sistemi informativi differenti.
Il sistema informativo sanitario deve quindi essere unitario ed integrato, pensato e progettato in un’unica macro-ottica aziendale, al fine di superare il modello delle “isole informative”, ovvero unità organizzative con propri sistemi informativi completamente disaggregati e indipendenti dal resto dell’azienda. Solo una visione unitaria del sistema informativo sanitario permetterà allo stesso di svolgere il fondamentale ruolo di supporto alla gestione e di strumento trainante verso il perseguimento dell’efficienza e dell’efficacia nell’offerta di servizi particolarmente complessi come quelli sanitari.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione La continua evoluzione del sistema sanitario in Italia e la complessità della gestione organizzativa dello stesso rende necessario fare luce sui processi organizzativi degli attori che operano in tale sistema, chiamati da un lato a governare l’ampia incertezza circa la disponibilità di risorse, da cui la conseguente necessità del contenimento della spesa pubblica, e dall’altro a gestire la trasformazione dello scenario epidemiologico e sociale di riferimento che ha modificato la struttura della domanda di prestazioni sanitarie e reso più complessa l’erogazione dei servizi. Diventa così fondamentale ripensare e riprogettare il sistema sanitario nel suo complesso, così come si è cercato di fare con le riforme degli anni ’90, sia razionalizzando l’impiego delle risorse sia ottimizzando un’offerta sempre più coerente e sinergica alle nuove esigenze degli utenti. È evidente che per perseguire tali obiettivi serve innanzitutto un intervento mirato da parte del governo centrale e delle regioni per delineare le basi per l’integrazione dei processi amministrativi, organizzativi e clinici tra le diverse strutture sanitarie e l’avvio di reti regionali e interregionali sanitarie, così come previsto dal Piano Nazionale Sanitario 2006-2008, che promuovano la continuità delle cure (continuum of care) e la centralità del cittadino/paziente. Le aziende sanitarie hanno a loro disposizione una serie di leve strategiche che, se gestite e utilizzate a dovere, permettono loro di ottenere risultati sia in termini di vantaggio competitivo, che passa dal contenimento dei costi e dalla “fidelizzazione” del cittadino alla struttura sanitaria, sia in termini di miglioramento dei servizi erogati. Una fattore strategico trasversale all’intera organizzazione sanitaria è sicuramente rappresentato dalla gestione dei flussi informativi, ovvero

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

azienda sanitaria
ict ospedali
informazioni in sanità
nformatizzazione ospedalei
nformatizzazione ospedali
nformatizzazione ospedaliera
sanità informatizzata
sanità tecnologia
sistemi informativi ospedali

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi