Skip to content

Circolazione di prodotti difettosi e azioni collettive di risarcimento del danno

Informazioni tesi

  Autore: Luca Mazzetti
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi Roma Tre
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia e management
  Relatore: Elena Bellisario
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 112

Più volte si è denunciata l’assenza nel sistema giuridico italiano di strumenti processuali facilmente fruibili per il cittadino consumatore. Ai tanti principi sanciti nel corso degli anni, dalla prima direttiva comunitaria del 25 luglio 1985 n. 374 relativa al riavvicinamento delle disposizioni legislative, regolamentari e amministrative degli Stati membri in materia di responsabilità per danno da prodotti difettosi fino ad arrivare all’istituzione del Codice del consumo attraverso il D.Lgs. 6 settembre 2005, n. 206, non si affiancava una adeguata tutela giudiziaria, spesso rilasciata all’iniziativa dei singoli e di qualche intraprendente avvocato. Fortunatamente negli ultimi anni, la giurisprudenza di merito ha cominciato finalmente ad assimilare l’azione inibitoria prevista dall’art. 140 del C.d.C., riservata alle associazioni dei consumatori per inibire gli atti e i comportamenti lesivi degli interessi dei consumatori e degli utenti. E’ un dato di fatto, tuttavia, che la mole di illeciti plurioffensivi in termini di violazioni contrattuali, pratiche commerciali scorrette e conseguenti danni, anche extracontrattuali ai cittadini, restava priva di una adeguata tutela risarcitoria. Le condotte vessatorie ed in alcuni casi palesemente contrarie alla legge hanno ormai superato il livello di guardia in alcuni settori tra cui quello dei servizi a rete quali energia, trasporti, telecomunicazioni. Ma in particolare sono stati i casi dei recenti cracks finanziari Cirio e Parmalat e la condanna da parte della Cassazione alle assicurazioni sul caro Rc-Auto che hanno fatto segnare l’esplosione di un numero considerevole di azioni giudiziarie di richiesta di risarcimento danni da parte dei risparmiatori e assicurati, che hanno sensibilizzato e accelerato la volontà di introdurre anche in Italia uno strumento basato sullo schema delle class actions statunitensi. Negli Stati Uniti lo strumento delle class action è talmente ben radicato e ha avuto larga applicazione, al punto da diventare uno degli strumenti più importanti e caratteristici del sistema di common law.
Il tema delle class actions ha seguito in Italia un iter molto lungo; era già da diversi anni infatti che si cercava, di introdurre questo strumento, sfidando le regole che l’ordinamento giuridico italiano impone, trovando, però,delle resistenze soprattutto per le grandi diversità che esistono fra l’ordinamento italiano e quello statunitense. Negli ultimi anni sono state presentate diverse proposte di legge, ma solo con l’approvazione dell’emendamento Bordon-Manzione al Senato il 21 novembre 2007 e poi con l’approvazione della legge Finanziaria 2008 ha previsto all’art. 2, comma 445, che le disposizioni di cui ai commi da 446 a 449 istituiscano e disciplinino l'azione collettiva risarcitoria a tutela dei consumatori, quale nuovo strumento generale di tutela nel quadro delle misure nazionali volte alla disciplina dei diritti dei consumatori e degli utenti, conformemente ai principi stabiliti dalla normativa comunitaria volti ad innalzare i livelli di tutela. Per alcuni una storica conquista, per molte aziende un incubo, per i più realisti una opzione in più di tutela dei diritti dei cittadini.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 PREMESSA Più volte si è denunciata l’assenza nel sistema giuridico italiano di strumenti processuali facilmente fruibili per il cittadino consumatore. Ai tanti principi sanciti nel corso degli anni, dalla prima direttiva comunitaria del 25 luglio 1985 n. 374 relativa al riavvicinamento delle disposizioni legislative, regolamentari e amministrative degli Stati membri in materia di responsabilità per danno da prodotti difettosi fino ad arrivare all’istituzione del Codice del consumo attraverso il D.Lgs. 6 settembre 2005, n. 206, non si affiancava una adeguata tutela giudiziaria, spesso rilasciata all’iniziativa dei singoli e di qualche intraprendente avvocato. Fortunatamente negli ultimi anni, la giurisprudenza di merito ha cominciato finalmente ad assimilare l’azione inibitoria prevista dall’art. 140 del C.d.C., riservata alle associazioni dei consumatori per inibire gli atti e i comportamenti lesivi degli interessi dei consumatori e degli utenti. E’ un dato di fatto, tuttavia, che la mole di illeciti plurioffensivi in termini di violazioni contrattuali, pratiche commerciali scorrette e conseguenti danni, anche extracontrattuali ai cittadini, restava priva di una adeguata tutela risarcitoria. Le condotte vessatorie ed in alcuni casi palesemente contrarie alla legge hanno ormai superato il livello di guardia in alcuni settori tra cui quello dei servizi a rete quali energia, trasporti, telecomunicazioni. Ma in particolare sono stati i casi dei recenti cracks finanziari Cirio e Parmalat e la condanna da parte della Cassazione alle assicurazioni sul caro Rc-Auto che hanno fatto segnare l’esplosione di un numero considerevole di azioni giudiziarie di richiesta di risarcimento danni da parte dei risparmiatori e assicurati, che hanno sensibilizzato e accelerato la volontà di introdurre anche in Italia uno strumento basato sullo schema delle class actions statunitensi. Negli Stati Uniti lo strumento delle class action è talmente ben radicato e ha avuto larga applicazione, al punto da diventare uno degli strumenti più importanti e caratteristici del sistema di common law. Il tema delle class actions ha seguito in Italia un iter molto lungo; era già da diversi anni infatti che si cercava, di introdurre questo strumento, sfidando le regole che l’ordinamento giuridico italiano impone, trovando, però,delle resistenze soprattutto per le grandi diversità che esistono fra l’ordinamento italiano e quello statunitense. Negli ultimi anni sono state presentate diverse proposte di legge, ma solo con l’approvazione dell’emendamento Bordon-Manzione al Senato il 21 novembre 2007 e poi con l’approvazione della legge Finanziaria 2008 ha previsto all’art. 2, comma 445, che le

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

140 bis
articolo 140 bis
azione collettiva risarcitoria
azioni collettive risarcitorie
circolazione di prodotti difettosi
class action
class action fairness act
codice del consumo
danni risarcibili
direttiva 01/95
direttiva 85/374
direttiva 92/59
emendamento bordon manzione
finanziaria 2008
libro verde responsabilità civile
prodotti difettosi
responsabilità produttore

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi