Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'arte islamica in Al-Andalus: dalle origini a Patrimonio dell'Umanità

L'arte islamica in Al-Andalus: dalle origini a Patrimonio dell'Umanità

Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE In Andalusia specie a Cordoba, Siviglia e Granada - si ha la netta sensazione di vivere in luoghi magici e di immergersi nelle cosiddette citt dell anima . Si ha il desiderio di andare alle radici, di verificare quanto profondo sia il mistero che avvince il visitatore e di ricercare le cause che hanno prodotto questo fascino. Si vuole capire perchØ tanti artisti e viaggiatori abbiano decantato questi luoghi e ci si rende conto, come segnala una scritta posta nei giardini dell Alhambra, che veramente la cosa piø triste Ł essere cieco a Granada . Il mio studio, anche se nei limiti di una tesi, si Ł proposto l obiettivo di approfondire l impronta della civilt musulmana in Andalusia, di seguire la produzione artistica, specie quella architettonica e le sue diverse fasi costruttive, di pari passo con le dominazioni che in otto secoli, a tappe, le hanno messe in opera. Nel primo capitolo, si localizza geograficamente e temporalmente l invasione musulmana della Penisola Iberica da parte delle popolazioni dell Africa del Nord, appena al di l dello stretto di Gibilterra. Le terre occupat e sono quelle della Spagna del sud, in larga parte coincidenti con l attuale Andalusia. La dominazione musulmana, iniziata nel 711, Ł durata otto secoli fino al 1492 con il succedersi delle varie dinastie (emirati, califfati, regni), analiticamente descritte. Nel 1492 si conclude il processo di Reconquista cristiana; in territorio andalus sono per rimaste, dopo questa data, frange di popolazione che hanno conservato la religione islamica e che, almeno inizialmente, hanno trovato tolleranza da parte dei cristiani vincitori. La coesistenza delle tre religioni monoteistiche (cristiana, ebraica, musulmana) in realt Ł sempre stata una costante in Al-Andalus e, anche se con vicende alterne, Ł stata generalmente pacifica. Nel secondo capitolo, si descrive, nei suoi particolari, il patrimonio artistico di Al- Andalus come risultato di eccellenza degli otto secoli di dominazione musulmana. Nell arte si punta soprattutto sull architettura, s pecie su quei monumenti che sono giunti intatti fino ai giorni nostri. Le fasi artistiche descritte seguono modelli che ricalcano gli orientamenti suggeriti dalle varie dominazioni. Le citt emblematiche per lo splendore dei monument i e per l armonia dell assetto urbanistico sono soprattutto Cordoba, Siviglia e Granada. E a queste che viene riservato lo spazio piø significativo, focalizzando via via i vari tipi di architettura: religiosa, civile e militare. Segue poi quanto di influenza musulmana rimane nell arte dei periodi successivi alla Reconquista cristiana, in particolar modo nel mudØjar.

Diploma di Laurea

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere

Autore: Roberta Muscolo Contatta »

Composta da 119 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2646 click dal 17/04/2008.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.