Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Tutela delle acque di balneazione

L'approfondimento del tema di questa tesi mi è stato sollecitato non solo per interesse verso l'ambiente, quanto da un caso concreto a me vicino, ovvero il divieto permanente di balneazione posto sulla spiaggia antistante il mio stabilimento balneare. Quindi ai fini di un esaustiva trattazione, analizzerò la disciplina e il regime giuridico dei beni demaniali, nonchè la normativa sulle acque di balneazione(D.P.R. 470/1982, direttive del 76/160 e 2006/7/CE) e la distribuzione di competenze fra enti territoriali. Affronterò poi il caso concreto, mettendo in evidenza come la parola permanente non compare in alcun testo normativo e chiuderò con lo studio del danno ambientale, perchè tale è un divieto di balneazione.

Mostra/Nascondi contenuto.
III INTRODUZIONE L’approfondimento del tema di questa tesi mi è stato sollecitato non solo da un puro interesse per il diritto ambientale, ma anche dal desiderio di conoscere tutti i profili che in concreto hanno contribuito al consolidarsi di una situazione a me vicina e in apparenza non facilmente spiegabile: quella del divieto di balneazione in un area circoscritta dell’arenile di Marina di Carrara, una zona nota soprattutto come centro turistico, dotato di ottime strutture balneari e di un mare dichiarato pulito. Per affrontare questo argomento si è ritenuto necessario innanzitutto effettuare un breve excursus sulla nozione stessa di ambiente per confrontarla con la situazione oggetto del mio interesse. Come è noto, l’espressione ambiente è un termine di difficile definizione che viene impiegato nel linguaggio comune con un significato estremamente generico, comprensivo di una serie di fenomeni e contesti non riconducibili ad unum. Si è proceduto in seguito ad individuare l’oggetto e gli strumenti della tutela dell’ambiente.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Alessandro Stefanini Contatta »

Composta da 152 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1434 click dal 08/05/2008.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.