Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Gestione del rischio di un portafoglio azionario

L’obiettivo di ciascun investitore è quello di massimizzare il rendimento atteso dato un certo li vello di rischio o alternativamente cercare di minimizzare il rischio per ottenere un prefissato Target-Return.Nella Gestione di un Portafoglio occorre soddisfare due particolari esigenze una riguardante l’analisi della performance (sia passata che attesa) e l’altra il controllo del rischio. Un contributo determinante in tal senso è ascrivibile ad Harry Markowitz (1952), padre della Modern Portfolio Theory, il quale ha fornito un inquadramento teorico dell’analisi rischio – rendimento.
Alla base delle analisi delle serie finanziarie è utile distinguere tre fondamentali oggetti d’analisi: PREZZI, VOLATILITA’ E RENDIMENTI.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE L’obiettivo di ciascun investitore è quello di massimizzare il rendimento atteso dato un certo li vello di rischio o alternativamente cercare di minimizzare il rischio per ottenere un prefissato Target- Return. Nella Gestione di un Portafoglio occorre soddisfare due particolari esigenze una riguardante l’analisi della performance (sia passata che attesa) e l’altra il controllo del rischio. Un contributo determinante in tal senso è ascrivibile ad Harry Markowitz (1952), padre della Modern Portfolio Theory, il quale ha fornito un inquadramento teorico dell’analisi rischio – rendimento. Il tema della prima parte della tesi sarà l’allocazione ottimale di un portafoglio formato da undici titoli azionari seguendo il criterio media-varianza studiato da Markowitz .Ogni gestore vorrebbe riuscire a prevedere il segno della variazione dei prezzi dei singoli titoli , quindi l’individuazione di azioni sovra e sottoquotate attraverso un’attenta analisi dei fattori specifici e non sistematici del rendimento di un titolo, e dell’intero mercato;è in quest’ambito che si colloca il Capital Asset Pricing Model che verrà trattato nella seconda parte della tesi. Il CAPM è un modello equilibrio nel quale i rendimenti attesi delle attività finanziarie ,in eccesso rispetto al titolo privo di rischio, sono proporzionali al rendimento atteso in eccesso del portafoglio di mercato;viene espresso come un modello che esprime il premio per il rischio dell’attività i-esima in funzione del premio per il rischio del portafoglio di mercato.

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Statistiche

Autore: Luana Romano Contatta »

Composta da 46 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 9076 click dal 08/05/2008.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.