Skip to content

I disturbi di personalità e la loro rilevanza nel processo penale

Informazioni tesi

master in criminologia
  Autore: Daniele Stavolo
  Tipo: Tesi di Master
Master in
Anno: 2007
Docente/Relatore: Sorgia Raffaella
Istituito da: Centro studi ricerca pedagogica EDUKA
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 94

In questo elaborato vengono affrontate importanti tematiche relative alla disciplina prevista dal codice penale italiano in tema di capacità di intendere e di volere.
Dopo aver trattato anche da un punto di vista storico le principali teorie psicologiche che si sono occupate del costrutto ipotetico "Personalità", nella prima parte la tesi è centrata sulla rassegna degli specifici criteri diagnostici in presenza dei quali si può parlare di un Disturbo di Personalità, e di come questi ultimi incidono sulla vita quotidiana di chi ne è affetto, sia sul piano comportamentale sia su quello dell'adattività e funzionalità, seguendo l'impostazione suggerita dal DSM-IV, nella sua edizione aggiornata (Text Revision).
L'obiettivo principale del lavoro però non è quello di fornire uno sterile elenco di sintomi e comportamenti in presenza dei quali è possibile diagnosticare ad un soggetto un Disturbo di personalità; il tentativo messo in atto è invece quello di far emergere i plausibili punti si contatto tra quelle discipline, medico-psichiatrica, psicologica e giuridica che hanno studiato e studiano, sotto diversi profili, questo argomento, cercando sempre di utilizzare, per quanto consentito, un linguaggio accessibile a chiunque sia interessato.
Trattandosi inoltre di una tesi per un master in Criminologia, è sembrato utile, soffermarci, con le dovute cautele, nella descrizione della storia criminale di alcuni personaggi (come Ted Bundy e Jeffrey Dahmer), al fine di valutare, attraverso l'esame di casi concreti, l'effettiva influenza della patologia in alcuni determinati eventi criminosi.
La seconda parte del lavoro è più propriamente di carattere tecnico-giuridico. In particolare è dedicata alla valutazione della rilevanza dei disturbi in questione nell'ambito del processo penale, con l'obiettivo di comprendere quando nel nostro ordinamento giuridico un soggetto può risultare esente da pena perché incapace di intendere e di volere al momento della commissione di un fatto di reato, e quando invece la pena dovrà essere applicata perché il soggetto è imputabile (nella fattispecie non è ritenuto infermo di mente) secondo la legge italiana. Per fare ciò, tuttavia, non è stato possibile affrontare immediatamente e direttamente il discorso sulle difficoltà incontrate dalla dottrina giuridica nell'elaborare la definizione di infermità e quali accezioni essa abbia avuto nei diversi periodi storici, ma si è reso innanzitutto necessario prendere in esame alcuni istituti fondamentali del nostro ordinamento giuridico, tra cui in particolare quello dell'Imputabilità, nonché alcune decisioni della Corte Suprema di Cassazione (in particolare la sent. n. 9163 del 25 gennaio 2005), per comprendere attraverso quali modalità, oggi, i Disturbi di Personalità del soggetto abbiano assunto un ruolo nuovo rispetto all'esito di un procedimento penale, al punto che gli stessi, in presenza di determinate condizioni, sono in grado di incidere sulla capacità di intendere e di volere di un individuo al momento della commissione di un fatto di reato.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 CAPITOLO I I Disturbi di Personalità Teorie della Personalità Il termine personalità deriva dal latino persona, ossia maschera. Con questa espressione infatti nell’antichità ci si riferiva ad una maschera che gli attori indossavano quando recitavano negli anfiteatri affinché la loro voce giungesse anche alle persone lontane dal palcoscenico. Soltanto nel tardo stoicismo persona assume il significato di essere umano, come lo intendiamo oggi. Il termine personalità ha ricevuto dalla dottrina scientifica numerosissimi significati 1 . In realtà questa parola viene utilizzata quotidianamente nel linguaggio comune per descrivere il carattere, il modo di essere di un soggetto con cui si entra in contatto, e ciò dimostra come tutti noi comunque condividiamo un'idea del significato del termine in questione. Se mettiamo da parte però il linguaggio comune, e proviamo a dare una definizione, la più scientifica possibile, al significato di personalità, ci accorgiamo come sia estremamente difficile il riferimento ad un concetto univoco e accettato pacificamente. Molti studiosi si sono impegnati in questo senso, con risultati anche molto interessanti, senza però giungere mai alla soluzione del problema; d'altronde la complessità della personalità si traduce anche in una difficoltà di definizione, tanto che ogni tentativo di descriverla risulta comunque approssimativo. Ciò ovviamente non significa che si debba rinunciare ad una definizione del termine, ma soltanto rendersi conto che, per quanto si possa aspirare alla massima condivisibilità del significato, non si potrà mai approdare ad un concetto pienamente oggettivo. Da un punto di vista estremamente generale potremmo definire la personalità come un determinato stile di vita, un modo stabile, costruito dagli individui attraverso la sintesi di fattori appresi ed esperienze vissute, di rapportarsi con l'ambiente e con gli altri. 1 Secondo lo psichiatra Karl Jaspers «nessun concetto viene impiegato con significati tanto diversi e variabili come quello di personalità o carattere». LINGIARDI V., La personalità e i suoi disturbi, un'introduzione, Il Saggiatore, Milano, 2001, p. 21.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

antisociale
articolo 85 codice penale
asse ii
borderline
capacità di intendere e di volere
cause che escludono l'imputabilità
cluster
colpevolezza
criminologia
disturbi di personalità
dsm
imputabilità
incapacità naturale e incapacità procurata
infermità mentale
malattia mentale
minore età
processo penale
psicopatia
responsabilità penale
serial killer
stile di attaccamento
teorie della personalità
ubriachezza e sostanze stupefacenti
vizio di mente

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi