Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il contratto collettivo aziendale

La tesi è stata discussa nel mese di ottobre 2006.

INDICE DEGLI ARGOMENTI TRATTATI:

INTRODUZIONE: EVOLUZIONE STORICA DELLA CONTRATTAZIONE COLLETTIVA

CAPITOLO I: I SOGGETTI NEGOZIALI
1. Le parti stipulanti
2. Le forme di rappresentanza dei prestatori in azienda
2.1. Le rappresentanze sindacali aziendali
2.2. Le rappresentanze sindacali unitarie
3. Contratto collettivo aziendale e contratto individuale plurisoggettivo

CAPITOLO II: IL CONTENUTO
1. La funzione normativa
2. La funzione obbligatoria
3. Il contratto gestionale

CAPITOLO III: I PROBLEMI GIURIDICI DEL CONTRATTO COLLETTIVO AZIENDALE
1. Efficacia oggettiva
2. Efficacia soggettiva. Opportunità di un intervento del legislatore a sostegno dell'efficacia generalizzata del contratto collettivo di gestione delle crisi
3. Contratto aziendale e rapporti fra contratti collettivi di diverso livello
4. Efficacia nel tempo. Principio e limiti della libera recedibilità dal contratto collettivo aziendale a tempo indeterminato

BIBLIOGRAFIA

Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE Evoluzione storica della contrattazione collettiva. Il nostro sistema di relazioni sindacali ha sviluppato progressivamente una molteplicità di livelli di negoziazione, distinti in funzione della qualità dei soggetti partecipanti, delle materie oggetto di confronto e dell'ampiezza del campo di applicazione. In particolare, la contrattazione collettiva si presenta articolata verticalmente nei seguenti livelli, in genere corrispondenti ai livelli organizzativi dei soggetti negoziali: quello interconfederale, nazionale di categoria e decentrato. L'accordo interconfederale si trova al vertice del sistema contrattuale, giacché viene stipulato direttamente dalle confederazioni datoriali e sindacali, e disciplina determinati istituti (ad esempio oggi le rappresentanze sindacali unitarie) per i quali le parti ritengono necessaria od utile una regolamentazione uniforme per una pluralità di categorie. Il contratto collettivo nazionale di categoria costituisce il fulcro del sistema contrattuale. Esso è stipulato periodicamente (attualmente ogni quattro anni) dalle organizzazioni sindacali

Laurea liv.I

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Alessandro Poma Contatta »

Composta da 64 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6311 click dal 08/05/2008.

 

Consultata integralmente 16 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.