Skip to content

Dalla macchina a vapore al motore a scoppio

Informazioni tesi

  Autore: Emmanuele Di Nardo
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Scienze storiche
  Relatore: Giancarlo Calcagno
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 73

Nel primo capitolo di questa analisi si prenderà in esame la questione della sostituzione del lavoro dell’uomo con quello delle macchine, e dello straordinario impiego di una nuova forza motrice: il vapore. Attraverso lo studio delle innovazioni tecniche sarà possibile vedere come la grande disponibilità di carbone, e quindi di energia, permise un aumento della produzione senza precedenti. Saranno illustrate, inoltre, le principali applicazioni della macchina a vapore e le risposte che seppe dare nel settore dei trasporti ed alla nascente domanda di produzione elettrica.
Nel capitolo successivo ci preoccuperemo di mostrare come nella seconda metà dell’Ottocento iniziarono a diffondersi altre importanti fonti energetiche. Innanzitutto l’elettricità che, in seguito all’invenzione della lampada di Edison, ebbe ampio successo nella produzione e nella distribuzione di energia per usi civili. Quindi fu la volta del petrolio inizialmente impiegato solo nel settore dell’illuminazione.
La necessità di quantità sempre maggiori di energia e l’ideazione di un nuovo tipo di motore, quello a scoppio (di cui ci occuperemo nel terzo capitolo), portarono allo sfruttamento industriale del petrolio, la riserva energetica più potente e all’apparenza abbondante mai conosciuta. Il nuovo combustibile riuscì ad imporsi sul carbone in poco tempo, fatto assolutamente impensabile alla fine del XIX secolo. Saranno esposte, infine, alcune riflessioni legate all’analisi dei progressi tecnici evidenziati, senza tralasciare un elenco dei dubbi affiorati nel corso del lavoro svolto. Solo mettendo a confronto le attese che caratterizzarono lo sviluppo di questi motori e le problematiche che ne conseguirono, sarà possibile comprendere come mai, in pochi decenni, si abbandonarono le tradizionali fonti energetiche.
Il processo di sostituzione delle fonti primarie di energia non è stato mai radicale, poiché bisogna tenere presente che fonti diverse concorrono a soddisfare una richiesta sempre più articolata. Non esiste una risposta univoca alla domanda: che cosa fa muovere i primi passi ai sistemi energetici e perché si passa da un sistema energetico all’altro? In questo studio si cercheranno di intuire le ragioni di un cambiamento che ha portato l’evoluzione tecnica da un paradigma basato su un convertitore complesso e rigido, e da energia a maggior costo e minor disponibilità, al motore semplice e flessibile in grado di utilizzare risorse a minor costo e maggior disponibilità. Questo mutamento è stato indubbiamente caratterizzato da innovazioni tecniche, ma anche da un consistente intreccio di processi sociali, economici e politici che, pur non rappresentando il fulcro di questa esposizione, non possono essere sottovalutati.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
2 INTRODUZIONE Da sempre l’uomo, per la sua stessa sopravvivenza, ha avuto bisogno di un’enorme quantità di energia. Questa, inizialmente, serviva solo a soddisfare le sue esigenze vitali, ma nel corso della storia i suoi bisogni sono diventati sempre più numerosi e, di conseguenza, sono aumentate le richieste di energia per altri scopi: costruzione di case e strade, costruzione ed uso di mezzi di trasporto, illuminazione e riscaldamento dei luoghi in cui si vive, costruzione ed uso di macchine industriali e di mezzi di comunicazione. L’evoluzione delle società umane è dipesa dalla conversione di quantità maggiori e di forme più concentrate e versatili di energia. Dal punto di vista delle scienze naturali, sia l’evoluzione umana nella preistoria sia il corso della storia possono essere considerate fondamentalmente come un tentativo ininterrotto di controllare flussi e riserve crescenti di energia. 1 Nelle varie epoche si sono susseguite diverse fonti di energia: ogni periodo in cui predominò lo sfruttamento di una specifica fonte costituisce un paradigma energetico. L'uomo primitivo utilizzava l’energia chimica degli alimenti, quella muscolare e quella del fuoco. Fu proprio la scoperta del fuoco, attraverso la combustione del legno, l’invenzione più importante nella storia dell'umanità. L’utilità del fuoco si esprimeva come mezzo di riscaldamento, di difesa e di illuminazione. Nel corso dell’evoluzione l'uomo ha continuato a sviluppare le tecniche della combustione imparando a cuocere l’argilla e fondere i metalli, producendo utensili sempre più sofisticati. Il legno restava comunque la materia prima più utilizzata. Il fabbisogno energetico degli uomini primitivi fino a 1 Vaclav Smil, Storia dell’energia, Bologna, il Mulino, 2000, p. 9.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

astatki
cherosene
denis papin
elettricità
energia
engine
felice barsanti
james watt
john smeaton
macchine a vapore
matteucci
motore a scoppio
motori
motori scoppio
nikolaus otto
petrolio
rivoluzione industriale
rudolph diesel
siegfrid marcus
thomas newcomen
thomas savery

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi