Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'incipit cinematografico, soglia e sogno del film - Strategie traduttive, modalità espressive, autonomia e relazioni tra testo e paratesto

L’incipit cinematografico è l’ingresso in un mondo ancora sconosciuto allo spettatore, attirato nell’universo finzionale secondo differenti modalità e gradi di coinvolgimento.
L’incipit, matrice di una narrazione ancora potenziale e punto di intensità semiotica, plasma l’esperienza della visione, apre racconti e ricezioni e trasforma i propri limiti, il formato e la dichiarata
paratestualità, in occasione di sperimentazione ed espressione creativa, posizionando la visione spettatoriale su di un asse di lettura privilegiata: fornisce allo spettatore potenziale competenze ed istruzioni di lettura, presenta isotopie figuative e tematiche, semina indizi, apre piste interpretative in termini di aspettative e tensioni.
Lo spettatore viene orientato, assaggia un elemento portante del film, il suo ritmo, la sua costruzione discorsiva ed enunciativa, la sua efficacia simbolica e passionale, maturando il proprio desiderio narrativo.
L’incipit, luogo plurale, comunicativo, autoriflessivo del testo filmico, è stato scelto come materia d’indagine perché è possibile considerare il triplice atto percettivo che in esso si realizza, comprendente simultaneamente il vedere, l’ascoltare, il leggere, e verificare contemporaneamente la corrispondenza e la relazione tra il piano dell’espressione e il piano del contenuto, tra l’uso di musica e immagine e il processo della narrazione.
L’obiettivo di questa tesi è l’indagine del linguaggio audiovisivo volta all’individuazione di un approccio analitico e di una metodologia progettuale in termini traduttivi e comunicativi, e la creazione di un repertorio audiovisivo di modalità espressive a cui attingere per uno specifico fine operativo.

Mostra/Nascondi contenuto.
7 Abstract L’incipit cinematografico è l’ingresso in un mondo ancora sconosciuto allo spettatore, attirato nell’universo finzionale secondo differenti modalità e gradi di coinvolgimento. L’incipit, matrice di una narrazione ancora potenziale e punto di intensità semiotica, plasma l’esperienza della visione, apre racconti e ricezioni e trasforma i propri limiti, il formato e la dichiarata paratestualità, in occasione di sperimentazione ed espressione creativa, posizionando la visione spettatoriale su di un asse di lettura privilegiata: fornisce allo spettatore potenziale competenze ed istruzioni di lettura, presenta isotopie figuative e tematiche, semina indizi, apre piste interpretative in termini di aspettative e tensioni. Lo spettatore viene orientato, assaggia un elemento portante del film, il suo ritmo, la sua costruzione discorsiva ed enunciativa, la sua efficacia simbolica e passionale, maturando il proprio desiderio narrativo. L’incipit, luogo plurale, comunicativo, autoriflessivo del testo filmico, è stato scelto come materia d’indagine perché è possibile considerare il triplice atto percettivo che in esso si realizza, comprendente simultaneamente il vedere, l’ascoltare, il leggere, e verificare contemporaneamente la corrispondenza e la relazione tra il piano dell’espressione e il piano del contenuto, tra l’uso di musica e immagine e il processo della narrazione. L’obiettivo di questa tesi è l’indagine del linguaggio audiovisivo volta all’individuazione di un approccio analitico e di una metodologia progettuale in termini traduttivi e comunicativi, e la creazione di un repertorio audiovisivo di modalità espressive a cui attingere per uno specifico fine operativo.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Design e Arti

Autore: Giorgia Albani Contatta »

Composta da 143 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3413 click dal 09/05/2008.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.