Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le elezioni del 18 aprile del 1948 - I manifesti elettorali della D.C.

La tesi si propone un analisi della propaganda della Democrazia Cristiana attraverso l'analisi semiotica dei manifesti elettorali utilizzati dal partito di Alcide De Gasperi nelle elezioni del 1948. Per fare ciò si è primaditutto analizzato il manifesto pubblicitario ed in seguito quello politico. I campi che l'elaborato va a toccare sono quindi la comuicazione politica, la semiotica del manifesto e la propaganda. Oltre a ciò per contestualizzare la tesi si offre una panoramica della situazione politica sociale ed economica dell'Italia all'inIl lavoro è strutturato in tre parti, la prima introduttiva al periodo storico prescelto ed al panorama politico ed internazionale, con un approfondimento sulle figure di Alcide De Gasperi, leader della Dc. e Palmiro Togliatti, capo del partito comunista italiano ed i diversi schieramenti politici.
Nella seconda parte l’attenzione è rivolta ai manifesti politici, partendo dalla genesi del manifesto, compiendo una disamina storica, per poi illustrarlo scientificamente e politicamente ed infine, l’aspetto elettorale, fornendo le chiavi di lettura e analisi tecnica.
Infine nella terza ed ultima parte viene presentata la propaganda della Dc. del 1948, premettendole qualche concetto di base su che cosa sia la propaganda e presentando i migliori manifesti proprio della D.C., fino a concludere motivando la vittoria del partito di De Gasperi sul Fronte Nazionale di Togliatti.domani del secondo conflitto mondiale.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE La tematica su cui verte la tesi è la propaganda politica della Democrazia Cristiana di Alcide De Gasperi, dal dopoguerra fino al momento culminante delle elezioni del 18 aprile del 1948. Una vittoria, quella della Dc. a scapito del Fronte Popolare guidato dai comunisti di Togliatti, che avvenne nel clima politico della ricostruzione dell’Italia dopo il secondo conflitto mondiale e della nascita dell’Europa unita, in un clima di cooperazione internazionale fra i paesi occidentali. Questo tema è di estrema attualità poiché tutt’oggi le campagne elettorali sono basate sulla propaganda mass-mediatica ed i manifesti, con le loro immagini ed i loro slogan, rappresentano, insieme con l’abilità oratoria dei candidati, una forte arma persuasiva. Il materiale utilizzato nella stesura dei capitoli non è solo cartaceo, oltre ai libri più utilizzati di N. Tranfaglia, A. Lepre e P. Mancini, si fa riferimento a materiale attinto da tre siti internet, soprattutto per la contestualizzazione storica del periodo e del manifesto. Le riflessioni di natura politica sono riprese fedelmente dai testi e sviluppate, mantenendo una linea di neutralità che mira volutamente a non approfondire tematiche che meriterebbero uno studio più accurato in ambito politico. Il lavoro è strutturato in tre parti, la prima introduttiva al periodo storico prescelto ed al panorama politico ed internazionale, con un approfondimento sulle figure di Alcide De Gasperi, leader della Dc. e Palmiro Togliatti, capo del partito comunista italiano ed i diversi schieramenti politici. Nella seconda parte l’attenzione è rivolta ai manifesti politici, partendo dalla genesi del manifesto, compiendo una disamina storica, per poi illustrarlo scientificamente e politicamente ed infine, l’aspetto elettorale, fornendo le chiavi di lettura e analisi tecnica. Infine nella terza ed ultima parte viene presentata la propaganda della Dc. del 1948, premettendole qualche concetto di base su che cosa sia la propaganda e presentando i migliori manifesti proprio della D.C., fino a concludere motivando la vittoria del partito di De Gasperi sul Fronte Nazionale di Togliatti. 3

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Francesco Blasi Contatta »

Composta da 61 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4236 click dal 14/05/2008.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.