Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La dimensione economico-finanziaria della crisi d’impresa: il caso Jolly Hotel

Come è noto, le imprese si trovano ad operare in un contesto caratterizzato da cambiamenti intensi e discontinui; e simili mutamenti, direttamente o indirettamente, sono tali da influenzare in modo deciso il destino delle imprese. Pertanto, la loro vita si svolge con un’alternanza di periodi di successi e di insuccessi, o se vogliamo di fasi positive e negative.
Questa rilevante accentuazione dei casi di crisi è dimostrata dai dati relativi alle procedure concorsuali che hanno coinvolto le imprese italiane: secondo le statistiche giudiziarie elaborate dall’Istat, il numero di fallimenti dichiarati è passato da 5.967 del 1981 a 13.564 del 2005, con una crescita dunque superiore al 200%. Tutto ciò è determinato da diversi fattori: dal cambiamento dei prezzi e dalla disponibilità dei fattori produttivi, dal cambiamento degli atteggiamenti dei consumatori e dall’andamento della domanda, dal cambiamento dell’ambiente politico, sociale e tecnologico.
Di fronte a tale scenario si è accentuato l’interesse verso la ricerca di soluzioni alla crisi più efficaci, in grado di garantire un migliore equilibrio tra le esigenze contrapposte della tutela dei creditori e della conservazione del valore economico delle imprese insolventi. I sistemi di gestione della crisi devono rispettare diverse caratteristiche fondamentali: essere robusti dal punto di vista delle capacità di prevenzione; permettere interventi efficaci in tempi rapidi; consentire di mettere in campo competenze imprenditoriali, manageriali e finanziarie di livello elevato; operare con un grado accettabile di trasparenza e di equità.
L’interpretazione e l’analisi dei cambiamenti dell’impresa costituiscono un obiettivo primario nell’universo conoscitivo esplorato dagli studi d’impresa, in questo ambito spesso l’attenzione è focalizzata sui processi evolutivi in cui il cambiamento assume connotati innovativi e positivi che portano le imprese a conseguire posizioni di successo e di leadership. Con questo lavoro vogliamo analizzare «l’altro cambiamento», quello nel quale il circolo virtuoso dei processi di sviluppo e consolidamento si interrompe per il progressivo prevalere di condizioni di anomalia che conducono l’impresa verso uno stato di crisi che ne mette a rischio la sopravvivenza stessa.
Il fenomeno delle crisi aziendali, nel corso dell’ultimo ventennio, ha subìto, in tutte le economie avanzate, una rilevante accentuazione. Il carattere distintivo delle crisi aziendali dell’ultimo ventennio non è tuttavia costituito solo dalla loro diffusione, ma esse si rivelano anche più complesse nei tempi, nei modi di manifestazione e nelle soluzioni adottate per il loro fronteggiamento.
Data la loro diffusione, dunque, possiamo sostenere che l’indagine sui fenomeni di crisi è di particolare attualità, soprattutto nel nostro Paese, visto che diversi gruppi industriali di notevole importanza, ne sono ancora coinvolti.
Questo lavoro mette in evidenza il concetto, la natura e le caratteristiche della crisi; l’evoluzione dell’approccio al problema; le cause dalle quali si sviluppa lo stato patologico, e soprattutto gli strumenti di diagnosi dello stato di salute come pure quelli di prevenzione della crisi.
L'attività di mechant banking riveste un ruolo di primaria importanza nella crescita delle imprese, per il contributo che essa può offrire al processo di ricapitalizzazione delle aziende, con l'intento di sostenere piani di sviluppo e di investimento o di restructuring. Ma non sempre si riescono a delineare i contorni degli interventi di merchant banking, in considerazione del fatto che essi possono essere realizzati con l'applicazione di soluzioni tecniche e contrattuali confezionate caso per caso, con l'obiettivo di risolvere le specifiche esigenze espresse dalla clientela. Per esporre l’ampia casistica in questione, si descrive con chiarezza e linearità tutte le fasi che intervengono nell'avvio e nella gestione di un'operazione di merchant banking.
Partendo dagli aspetti istruttori, viene spiegato come le merchant bank debbano porre particolare attenzione, da un lato, all'analisi economica, patrimoniale e finanziaria dell'azienda e dall'altro alla gestione del rischio dell'operazione. La gestione del rapporto vede una complessa attività di monitoraggio degli adempimenti amministrativi, finanziari e fiscali dell'impresa target, fondamentale per verificare la corretta gestione dell'azienda, la determinazione delle aree di rischio e la prestazione di servizi di consulenza, finalizzati al miglioramento di alcune funzioni. Altro tema di estrema importanza è quello della pianificazione del disinvestimento, con riferimento sia alle modalità tecniche sia ai tempi di realizzo.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 Premessa Come Ł noto, le imprese si trovano ad operare in un contesto caratterizzato da cambiamenti intensi e discontinui; e simili mutamenti, direttamente o indirettamente, sono tali da influenzare in modo deciso il destino delle imprese. Pertanto, la loro vita si svolge con un alternanza di periodi di successi e di insuccessi, o se vogliamo di fasi positive e negative. Questa rilevante accentuazione dei casi di crisi Ł dimostrata dai dati relativi alle procedure concorsuali che hanno coinvolto le imprese italiane: secondo le statistiche giudiziarie elaborate dall Istat, il numero di fallimenti dichiarati Ł passato da 5.967 del 1981 a 13.564 del 2005, con una crescita dunque superiore al 200%. Tutto ci Ł determinato da diversi fattori: dal cambiamento dei prezzi e dalla disponibilit dei fattori produttivi, dal cam biamento degli atteggiamenti dei consumatori e dall andamento della domanda, dal cambiamento dell ambiente politico, sociale e tecnologico. Di fronte a tale scenario si Ł accentuato l interesse verso la ricerca di soluzioni alla crisi piø efficaci, in grado di garantire un migliore equilibrio tra le esigenze contrapposte della tutela dei creditori e della conservazione del valore economico delle imprese insolventi. I sistemi di gestione della crisi devono rispettare diverse caratteristiche fondamentali: essere robusti dal punto di vista delle capacit di prevenzione; permettere intervent i efficaci in tempi rapidi; consentire di mettere in campo competenze imprenditoriali, manageriali e

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Salvatore Gargiulo Contatta »

Composta da 198 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2213 click dal 14/05/2008.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.