Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il ruolo della Banca Mondiale nei processi di sviluppo

Il lavoro è volto a informare il lettore su una istituzione, la Banca Mondiale, che sembra avere un ruolo marginale nell'economia mondiale, ma che al contrario esercita una immensa forza politica con i suoi diktat.
Il lavoro è diviso in tre capitolo in cui vengono esposti nell'ordine: la storia, i modus operandi e le critiche contro questa agenzia.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Obiettivo centrale di questa tesi di laurea è quello di sviluppare un discorso abbastanza lineare e completo su un’istituzione globale quale è la Banca Mondiale e analizzarne il ruolo nei processi di sviluppo economico delle aree più disagiate del pianeta. Lo sviluppo è un fattore positivo per i Paesi poveri, resta però da vedere se le politiche di Banca Mondiale e Fondo Monetario Internazionale (International Monetary Fund) siano politiche positive per lo sviluppo; ci preme capire insomma se le politiche di intervento e sostegno attuate da questi organismi mondiali siano finalizzate realmente alla “ricostruzione ed allo sviluppo dei territori dei paesi membri, […] ivi compreso il ripristino delle economie distrutte o danneggiate dalla guerra, […] alla promozione dell’investimento privato straniero, […] alla promozione dello sviluppo bilanciato ed a lungo termine del commercio internazionale ed il mantenimento dell’equilibrio nelle bilance dei pagamenti […]” (Art.1 dell’Atto di Adesione alla IBRD) o se non siano invece delle politiche funzionali alla sola sopravvivenza delle economie dei paesi ricchi. Nonostante la sua imponenza, la Banca Mondiale sembra quasi essere un attore di poco conto, di importanza marginale, non essendo presente quotidianamente sulla scena mediatica come altri agenti. In realtà la Banca Mondiale si rivela essere oggi più che altro un attore-ombra, che, in forza del legame “genetico” con il Fondo Monetario Internazionale, opera ai più alti livelli economici mondiali, anche al di là dei quelle sue peculiarità che ne costituivano le fondamenta. Non più la Banca per la Ricostruzione e lo Sviluppo dunque, ma organismo che dirige e controlla i 3

Laurea liv.I

Facoltà: Sociologia

Autore: Marco Cazzato Contatta »

Composta da 78 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2299 click dal 16/05/2008.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.