Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

''Il più ardente desiderio''. Il martirio nell' Islam dalla tradizione all'epoca contemporanea.

Il mio lavoro è articolato in tre parti: la prima parte è dedicata al martirio nell’islām classico (il cui prototipo è rappresentato dalla figura dell’imām Husayn, nipote di Muhammad, morto nella battaglia di Karbalā contro l’esercito omayyade), e al martirio nell’islām medievale (rappresentato dagli hashīshīyyun o Assassini che seminarono il terrore nel mondo musulmano sunnita compiendo una serie di omicidi-suicidi mirati). La seconda parte è dedicata al concetto di ğihād e ai suoi diversi significati e ad una serie di personaggi storici che sono considerati i “padri ispiratori del ğihād” (Ibn ‘abd-al-Wahhab, Muhammad ‘Abduh, Rashid Ridā, Hasan al-Banna’, Abu al-A‘la al-Mawdūdī, Sayyid Qutb e Ruhollah Khomeinī).
La terza parte della tesi è dedicata al concetto di šahīd e di šahāda (testimonianza); alle logiche che stanno alla base del terrorismo suicida (strategica, sociale ed individuale); ed infine alle organizzazioni del terrorismo suicida, a partire dal modello Bassiğe iraniano, passando per Hamas, Hezbollah e al-Qa‘ida, fino a giungere al fenomeno delle martiri palestinesi e cecene.


Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Quali pensieri scorrono nella mente di uno šahīd? Quali sono le motivazioni, le convinzioni, le aspirazioni e i riferimenti ideologici che spingono un uomo o una donna a compiere l’estremo sacrificio, a trasformare il proprio corpo in uno strumento letale? Non è facile dare una risposta univoca a queste domande. E soprattutto non si può dare un’unica interpretazione al fenomeno o ricondurlo ad un unico contesto storico-sociale. Ciò che intendo dire è che il fenomeno dei martiri islamici (o kamikaze, come impropriamente sono chiamati), non può essere ricondotto solamente agli attacchi suicidi dei Palestinesi contro i militari e i civili Israeliani. Le distinzioni sono d’obbligo. Oggi più che mai, visto che le “bombe umane” non si fanno più saltare in aria in luoghi “lontani da noi”. È qualcosa che ormai ci riguarda da vicino. L’attentato suicida ci lascia sbalorditi, impotenti e profondamente turbati: pensare, come afferma Reuter 1 , che vi siano «persone per le quali la causa per cui lottano, qualunque essa sia, è più importante della loro stessa vita. È un fatto che mette paura, che ci toglie il terreno sotto i piedi». Anche perché qualunque strategia preventiva o repressiva sarebbe vana contro individui che non hanno paura della morte, piuttosto la cercano. Inoltre gli stereotipi dei potenziali šahīd, che vengono continuamente propinati, non rispecchiano quella che è una realtà oramai appurata: verrebbe subito da pensare che gli attentatori suicidi siano degli individui non integrati nella società, depressi, disperati, con un basso livello di istruzione, poveri, indottrinati se non plagiati o che semplicemente cerchino la morte per godersi le famose settantadue vergini che li attendono in Paradiso (quest’ultima motivazione, tra l’altro, è la più inverosimile visto che oltre di derivazione coranica, gli attentati suicidi vengono compiuti anche da donne!). La realtà è diversa. Basti pensare agli attentatori dell’11 settembre che provenivano dalla Germania: non appartenevano a classi sociali basse, anzi, facevano tutti parte di famiglie medio o alto-borghesi, e non erano neanche degli individui poco istruiti 1 Reuter Christoph, La mia vita è un’arma. Storia e psicologia del terrorismo suicida, Tea, Milano, 2006, pag. 8. 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Melania Busacchi Contatta »

Composta da 123 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1398 click dal 19/05/2008.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.