Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'apprendistato

Per mezzo della formulazione adottata negli articoli 47 e seguenti del Decreto Legislativo n. 276/03, il legislatore delegato è giunto ad una nuova definizione del contratto di apprendistato, destinata a sostituire gradualmente ma integralmente la previgente disciplina, contenuta principalmente nella Legge n. 25/55 e nell’articolo 16 della Legge n. 196/97. Secondo quanto previsto dalla Circolare del Ministero del Lavoro n. 40/04 “il nuovo contratto di apprendistato dà luogo ad una tipica ipotesi di lavoro caratterizzato per il contenuto formativo della obbligazione negoziale. A fronte della prestazione lavorativa, il datore di lavoro si obbliga infatti a corrispondere all’apprendista non solo una controprestazione retributiva ma anche, direttamente o a mezzo di soggetti in possesso delle idonee conoscenze ed all’uopo individuati, gli insegnamenti necessari per il conseguimento di una qualifica professionale, di una qualificazione tecnico-professionale o di titoli di studio di livello secondario, universitario o specializzazioni dell’alta formazione (tra cui la specializzazione tecnica superiore di cui all’articolo 69 della Legge 17 maggio 1999, n. 144) attraverso percorsi di formazione interna o esterna alla azienda”. Va rilevato che, dopo la riorganizzazione dei contratti a contenuto formativo operata dal titolo IV dello stesso Decreto Legislativo, il nuovo apprendistato resta di fatto l’unico contratto a contenuto formativo presente nel nostro ordinamento, atteso che il contratto di formazione e lavoro, almeno nel settore privato, va (o è andato) ad esaurimento, e che il contratto d’inserimento, nel quale la formazione del lavoratore è solo eventuale e non integra un elemento caratterizzante del relativo tipo contrattuale, ha una finalità diversa. Questo nuovo istituto contrattuale, così come configurato nel Decreto Legislativo n. 276/03, acquisisce la finalità di “strumento idoneo a costruire un reale percorso di alternanza tra formazione e lavoro, quale primo tassello di una strategia di formazione e apprendimento continuo lungo tutto l’arco della vita”

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione. Per mezzo della formulazione adottata negli articoli 47 e seguenti del Decreto Legislativo n. 276/03, il legislatore delegato è giunto ad una nuova definizione del contratto di apprendistato, destinata a sostituire gradualmente ma integralmente la previgente disciplina, contenuta principalmente nella Legge n. 25/55 e nell’articolo 16 della Legge n. 196/97. Secondo quanto previsto dalla Circolare del Ministero del Lavoro n. 40/04 “il nuovo contratto di apprendistato dà luogo ad una tipica ipotesi di lavoro caratterizzato per il contenuto formativo della obbligazione negoziale. A fronte della prestazione lavorativa, il datore di lavoro si obbliga infatti a corrispondere all’apprendista non solo una controprestazione retributiva ma anche, direttamente o a mezzo di soggetti in possesso delle idonee conoscenze ed all’uopo individuati, gli insegnamenti necessari per il conseguimento di una qualifica professionale, di una qualificazione tecnico-professionale o di titoli di studio di livello secondario, universitario o specializzazioni dell’alta formazione (tra cui la specializzazione tecnica superiore di cui all’articolo 69 della Legge 17 maggio 1999, n. 144) attraverso percorsi di formazione interna o esterna alla azienda”. Va rilevato che, dopo la riorganizzazione dei contratti a contenuto formativo operata dal titolo IV dello stesso Decreto Legislativo, il nuovo apprendistato resta di fatto l’unico contratto a contenuto formativo presente nel nostro ordinamento, atteso che il contratto di formazione e lavoro, almeno nel settore privato, va (o è andato) ad esaurimento, e che il contratto d’inserimento, nel quale la formazione del lavoratore è solo eventuale e non integra un elemento caratterizzante del relativo tipo contrattuale, ha una finalità diversa. Questo nuovo istituto contrattuale, così come configurato nel Decreto Legislativo n. 276/03, acquisisce la finalità di “strumento idoneo a costruire un reale percorso di alternanza tra formazione e lavoro, quale primo tassello di una strategia di formazione e apprendimento continuo lungo tutto l’arco della vita”. 4

Tesi di Master

Autore: Angela Cavinato Contatta »

Composta da 69 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4181 click dal 22/05/2008.

 

Consultata integralmente 21 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.