Skip to content

La legittima difesa e la nuova fattispecie di "autotutela in un privato domicilio" - La riforma dell'art. 52 c.p. ad opera della Legge 13 Febbraio 2006, n. 59

Informazioni tesi

  Autore: Marco Pucci
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2005-06
  Università: Università degli Studi di Pisa
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Alberto Gargani
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 192

La legge n. 59 2006 ha modificato l’istituto della legittima difesa disciplinato dall’art. 52 c.p. introducendo nella disposizione due commi aggiuntivi, i quali hanno riconosciuto il diritto all’autotutela in un privato domicilio. Obiettivo del presente lavoro è verificare l’operatività e le conseguenze di una scelta normativa molto discussa sul quadro applicativo della scriminante, nella sua formulazione ante-riforma. L’elaborato è suddiviso in tre parti. La prima si apre con l’esame dell’evoluzione storica dell’istituto, dal diritto romano, al diritto barbarico, specie longobardo, al diritto canonico. L’analisi prosegue con gli sviluppi della legittima difesa in epoca medievale. L’attenzione si incentra poi sull’opera dei giureconsulti tra XVI e XVII sec. Successivamente, si trattano le dispute teoriche in ordine al fondamento razionale della legittima difesa. La ricerca della ratio della scriminante condurrà al riconoscimento dei vantaggi delle c.d. teorie pluralistiche, che ricostruiscono il significato della legittima difesa intorno a due istanze: l’autotutela diretta e la difesa indiretta dell’ordinamento giuridico. Si darà poi conto della disciplina della legittima difesa nel codice Zanardelli del 1889. La seconda parte si focalizza sulla struttura della scriminante generale di cui all’art. 52/1 c.p., di cui si descrivono analiticamente i vari elementi costitutivi: dalla situazione aggressiva alla reazione difensiva, illustrando le varie interpretazioni dottrinali sviluppatesi, e tenendo sempre in debita considerazione la copiosa produzione giurisprudenziale. L’esposizione terrà conto dei principali aspetti problematici di ogni singolo requisito, accennando anche alle soluzioni proposte dai vari progetti di riforma della parte generale del codice penale susseguitisi negli ultimi quindici anni - Pagliaro (1992), Grosso (2000) e Nordio (2005) - e senza tralasciare qualche osservazione di carattere comparatistico. La disamina dei requisiti della fattispecie scriminante sarà condotta privilegiando quello della proporzione. Sotto quest’ultimo profilo, si esporranno, dapprima, le tappe dell’evoluzione giurisprudenziale relativa ai termini del raffronto, sulla scorta delle acquisizioni della dottrina; si darà conto, poi, degli esiti dei più accurati studi sulla questione “nevralgica” del momento in cui effettuare il giudizio di proporzione e sulle circostanze da porre a base di esso, dimostrando come il modello dell’accertamento condotto ex post si dimostri più idoneo a fornire soluzioni applicative coerenti, rispetto al giudizio ex ante. La terza parte sarà dedicata interamente all’esame della modifica recentemente apportata all’art. 52 c.p. Si analizzeranno, dapprima, i motivi posti a fondamento dell’intervento legislativo. Si espongono, poi, le critiche avanzate da esponenti del mondo politico e giuridico alla soluzione normativa adottata, in particolare quelle relative al contrasto di essa con taluni principi fondamentali del nostro ordinamento, consacrati dalla Costituzione. Si darà, in seguito, conto dei principali “antecedenti” della riforma, nel senso di una maggiore tutela della sicurezza privata, in particolare, l’art. 31 co.3 del Progetto Nordio del 2005, il quale disegnava per la prima volta una scriminante di uso legittimo delle armi nel proprio domicilio. L’analisi della nuova fattispecie di cui all’art 52/2-3 c.p., in assenza di sentenze, di merito o di legittimità, in argomento, sarà incentrata sull’esegesi letterale e sistematica della nuova disposizione. L’esposizione terrà conto dei due diversi inquadramenti della fattispecie, prospettati dalla dottrina: da un lato, quello secondo cui l’art. 52 co.2-3 sarebbe un’ipotesi speciale di difesa legittima, derogatoria rispetto alla figura generale di cui al primo comma, solo per la peculiare disciplina del rapporto di proporzione; dall’altro, l’orientamento secondo cui si tratterebbe di una nuova ed autonoma fattispecie scriminante, simile a quella di esercizio di un diritto di cui all’art. 51 c.p. e, sotto un altro profilo, a quella di uso legittimo delle armi da parte del p.u., di cui all’art. 53 c.p. In conclusione si esporranno i motivi di perplessità in ordine alla scelta effettuata e si segnaleranno le alternative a disposizione del legislatore, che apparivano idonee al fine di assicurare più ampi margini di non punibilità a reazioni eccessive realizzate in particolari condizioni psicologiche, senza alterare i delicati dell’istituto della legittima difesa.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
7 INTRODUZIONE La legge 13 febbraio 2006 n. 59 ha modificato l’istituto della legittima difesa disciplinato dall’art. 52 c.p. introducendo nella disposizione due commi aggiuntivi, i quali hanno riconosciuto il diritto all’autotutela in un privato domicilio. La riforma segna una svolta nell’ambito della difesa privata, sostanzialmente autorizzando l’uso di armi legittimamente detenute al fine di difendere la vita, l’incolumità o i beni propri o altrui, a determinate condizioni normative, laddove tali interessi siano aggrediti nei luoghi riconducibili alla nozione penalistica di “domicilio”; tale scopo è raggiunto mediante la previsione di una presunzione assoluta di proporzione della reazione difensiva armata rispetto alla situazione aggressiva da neutralizzare. L’obiettivo del presente lavoro è quello di verificare l’operatività e le conseguenze di una scelta normativa molto discussa sul quadro applicativo della scriminante, nella sua formulazione ante-riforma, mediante una rassegna critica dei principali interventi dottrinali sul tema e dei possibili riflessi giurisprudenziali. L’elaborato è suddiviso in tre parti. La prima parte si apre con l’esame dell’evoluzione storica dell’istituto, di cui si rileveranno i tratti fondamentali nel diritto romano, per passare poi alla disciplina prevista nel diritto barbarico, specie quello longobardo, ed, infine, all’impostazione del diritto canonico sul tema. L’indagine evidenzierà, nonostante la differente configurazione dei limiti della difesa privata nei sistemi giuridici suddetti, la costante rappresentata da un ampliamento delle facoltà reattive dell’aggredito dinanzi ad aggressioni notturne realizzate tra le mura domestiche. L’analisi proseguirà poi con gli sviluppi della legittima difesa in epoca feudale e negli statuti comunali, fino all’assetto conferito alla fattispecie dalla Costituzione Carolina del 1532. L’attenzione si incentrerà in seguito sull’opera dei giureconsulti italiani e d’oltralpe, tra XVI e XVII sec., volta a ricostruire l’istituto su solide basi scientifiche, sulla scorta dello studio delle fonti romane.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

52 c.p.
autotutela
cause di giustificazione
costrizione
legittima difesa
necessità
offesa ingiusta
pericolo attuale
proporzione
scriminanti
soccorso difensivo

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi