Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La privacy nelle prestazioni sanitarie

Pubblico la mia tesi che è frutto di una ricerca sul campo.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE La prima volta che il termine “privacy” ha fatto la sua apparizione nel mondo del diritto, risale all’ultimo decennio del 1800, quando un giovane avvocato di Boston, Samuel Warren, promosse un’azione legale contro un giornale locale, accusato di essersi troppo ingerito nelle vicende del proprio matrimonio. Insieme con un noto giurista, destinato a far parte della Corte Suprema, Louis Brandeis, Warren scrisse un noto articolo per la Harvard Law Review intitolato “The right to privacy”, nel quale si postulava la riservatezza come il diritto ad essere lasciati soli, soprattutto con riferimento alle proprie attività economiche. La tutela della riservatezza riceve un primo riconoscimento a livello internazionale nella Dichiarazione Universale dei diritti dell’uomo del 1948, il cui art. 12 vieta “l’arbitraria interferenza della riservatezza”, e successivamente dall’art. 8 della Convenzione

Laurea liv.I

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Caterina Colomba Contatta »

Composta da 101 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4397 click dal 30/05/2008.

 

Consultata integralmente 15 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.