Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Fusione tra Borsa Italiana e London Stock Exchange

La crescita economica non può prescindere dal progresso del sistema finanziario in generale e del mercato borsistico in particolare. La letteratura economica ha evidenziato l’esistenza di una solida relazione tra lo sviluppo economico e il progresso del sistema finanziario. Un sistema finanziario evoluto favorisce una crescita robusta e sostenibile, limitando le barriere che si frappongono tra la raccolta e l’allocazione del risparmio, favorendo il processo di selezione delle eccellenze imprenditoriali e degli investimenti e offrendo nuove modalità di gestione dei rischi. Borsa Italiana ha assunto una posizione di leadership internazionale anche in altri mercati, consentendo al sistema finanziario di beneficiare di un ventaglio più ampio di possibilità d’investimento. La crescita dei mercati si è accompagnata allo sviluppo della connotazione internazionale che era precedentemente assente. Nei primi anni del nuovo millennio infine si definisce a livello comunitario il Piano d’Azione sui Servizi Finanziari che trova la sua più recente applicazione in Italia con l ’entrata in vigore dal novembre 2007 della normativa MiFID, intesa a modificare in modo sostanziale la relazione tra Borse e intermediari e gli obblighi degli intermediari verso la clientela. Grazie a questi progressi, la realtà del Gruppo Borsa Italiana è giunta ad avere dimensioni competitive rispetto ad altre Borse. Al momento dell’accordo per l’integrazione con il London Stock Exchange, il suo valore economico complessivo è stato valutato pari a 1,6 miliardi di euro. Sostenere lo sviluppo della Borsa e la sua competitività vuol dire sostenere la crescita di un intero sistema. Affinché tutto ciò potesse concretizzarsi e il mercato crescere, Borsa Italiana ha agito e collaborato con tutti gli stakeholders, nella convinzione che un’accelerazione nello sviluppo del mercato dei capitali italiano potesse essere realizzata solo operando in modo integrato su diversi fronti. Negli ultimi trent’anni l’effetto congiunto delle innovazioni in ambito tecnologico e regolamentare ha profondamente modificato le modalità organizzative, il ruolo e la natura delle Borse e il loro rapporto con intermediari e investitori. A una prima fase che ha visto lo sviluppo dell’infrastruttura dei mercati e della forma organizzativa dei soggetti incaricati della loro gestione, ha fatto seguito un periodo caratterizzato dalla spinta verso il consolidamento, prima su base continentale e successivamente a livello globale. Circa dodici mesi fa, dopo il tramonto del tentativo di pervenire a un’integrazione delle maggiori Borse dell’area euro, si sono create le condizioni per un accordo con la principale Borsa europea, il London Stock Exchange. La complementarità dei modelli di sviluppo, sia sotto il profilo organizzativo che sotto quello dei prodotti e dei clienti, rappresentava un’opportunità pressoché unica per la creazione del principale mercato in Europa e protagonista sul piano globale. La leadership sui mercati borsistici europei, raggiunta grazie all’eccellenza tecnologica e alla liquidità di un listino estremamente vasto, aggiunta alla forte efficienza e competitività dei servizi di post-trading, rappresenta il punto di partenza per un’ulteriore crescita grazie all’ampliamento dei servizi offerti, pienamente in grado di portare chiari benefici alle società quotate e agli investitori. Con specifico riferimento alla realtà italiana, l ’integrazione con il London Stock Exchange costituisce un’opportunità unica per offrire alle imprese, in particolare a quelle di piccola e media dimensione attraverso le sinergie con l’AIM, un flusso addizionale e qualificato di investimenti in capitale di rischio.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione La crescita economica non può prescindere dal progresso del sistema finanziario in generale e del mercato borsistico in particolare. La letteratura economica ha evidenziato l’esistenza di una solida relazione tra lo sviluppo economico e il progresso del sistema finanziario. Un sistema finanziario evoluto favorisce una crescita robusta e sostenibile, limitando le barriere che si frappongono tra la raccolta e l’allocazione del risparmio, favorendo il processo di selezione delle eccellenze imprenditoriali e degli investimenti e offrendo nuove modalità di gestione dei rischi. Borsa Italiana ha assunto una posizione di leadership internazionale anche in altri mercati, consentendo al sistema finanziario di beneficiare di un ventaglio più ampio di possibilità d’investimento. La crescita dei mercati si è accompagnata allo sviluppo della connotazione internazionale che era precedentemente assente. Nei primi anni del nuovo millennio infine si definisce a livello comunitario il Piano d’Azione sui Servizi Finanziari che trova la sua più recente applicazione in Italia con l ’entrata in vigore dal novembre 2007 della normativa MiFID, intesa a modificare in modo sostanziale la relazione tra Borse e intermediari e gli obblighi degli intermediari verso la 3

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Gianni Mete Contatta »

Composta da 77 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3661 click dal 30/05/2008.

 

Consultata integralmente 14 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.