Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il mercato elettronico della PA: l’esperienza della AUSL di Viterbo

Le aziende sanitarie rappresentano, in molte realtà commerciali, i principali acquirenti all'interno dei mercati in cui operano ed è quindi consequenziale che il loro comportamento influenzi significativamente le modalità e l’operatività dei mercati stessi. A quanto detto si aggiunge il fatto che le aziende sanitarie italiane stanno attraversando un momento di forti cambiamenti organizzativi ed operativi, afferenti la propria funzione acquisti. La necessità di risparmiare e mantenere standard qualitativi elevati, portano inevitabilmente ad una reingegnerizzazione dei processi interni e a nuovi studi operativi. La piattaforma ideata da Consip SPA può rappresentare un valido strumento per ridurre la spesa. L'esperienza della AUSL di Viterbo risulta particolarmente significativa per l'integrazione con il sistema interno, nonchè per i risultati ottenuti e stimati in percentuale, confrontando analiticamente la tradizionale e l'innovativa modalità di acquisto. In altri termini, attraverso uno studio scientifico, sono stati valutati i risparmi generati dall'utilizzo del Mercato Elettronico attraverso la Richiesta d'Offerta e l'Ordine Diretto sul MePa

Mostra/Nascondi contenuto.
2 1. L’INFORMATIZZAZIONE DEGLI ACQUISTI NELLE AZIENDE SANITARIE ITALIANE Le aziende sanitarie rappresentano, in molte realtà commerciali, i principali acquirenti sui rispettivi mercati ed è quindi consequenziale che il loro comportamento influenzi significativamente le modalità e l’operatività dei rispettivi mercati 1 . Ciò è propedeutico al discorso dell’introduzione dei sistemi informatici, che supportano la funzione acquisti nelle aziende sanitarie in quanto, il salto culturale che ne deriva, non influisce solo sul settore specifico sanitario, ma produce ripercussioni di ampia portata. Se infatti l’acquirente di maggiore importanza (l’azienda sanitaria), adotta una specifica tecnica o una modalità operativa, è logico pensare che, nel volgere di un breve lasso di tempo, anche gli altri operatori si adegueranno a tale cambiamento. Se al discorso si aggiunge il fatto che le aziende sanitarie italiane stanno attraversando un momento di forti cambiamenti organizzativi ed operativi, afferenti la propria funzione acquisti, ci appare subito chiara e rilevante l’importanza degli aspetti sopra delineati. Infatti il processo di aziendalizzazione attualmente in atto permette alle aziende sanitarie italiane, per raggiungere i loro scopi istituzionali, l’espletamento di acquisti mediante norme di diritto privato. In particolare l’atto aziendale adottato da ogni singolo ente può prevedere, ispirandosi ai principi di efficacia, efficienza, economicità e trasparenza, il ricorso a modalità informatiche per l’acquisto di beni e servizi di cui abbisogna (tipici strumenti dell’eProcurement). Analizzando gli aspetti economico-organizzativi della funzione acquisti nelle aziende sanitarie si ricava che in essi devono comunque essere garantiti i seguenti requisiti essenziali: ξ la qualità dei prodotti-servizi-lavori; ξ l’economicità dei provvedimenti posti in essere; ξ la tempestività dei medesimi; ξ la trasparenza degli atti; ξ il rispetto dei principi concorrenziali tra le imprese; 1 “E-Procurement nelle aziende sanitarie”, pagg. 1-4. Fonte: Michele Monteu ed Emanuele Davide Ruffino, 2002.

Tesi di Master

Autore: Silvia Dari Contatta »

Composta da 40 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2334 click dal 30/05/2008.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.