Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La corporate governance in Italia: l'attività di controllo del collegio sindacale

Il tema affrontato è oggetto da lunghi anni di acceso dibattito, reso più vivace da avvenimenti, piuttosto recenti, che hanno dato adito a porre in discussione l’efficacia dell’attuale sistema dei controlli societari, in particolar modo nelle società quotate.
Quali i doveri del collegio sindacale e della società di revisione e quali responsabilità derivano dal mancato rispetto di essi?
Con quali poteri sindaci e revisori esterni esercitano le loro rispettive funzioni?
Sono domande che richiedono risposte elaborate, lunghi momenti di riflessione, prima di azzardare una risposta.
Sull’argomento ho avuto modo di esprimermi più volte nel corso della trattazione, anche in considerazione dell’applicazione nel nostro Paese della riforma Draghi, nell’ambito della quale ho tentato di evidenziare pregi e difetti, al fine di porre in risalto un quadro più chiaro delle attribuzioni dei due organi di controllo.
Si tratta di un tema che, a tutt’oggi, non sembra avere ancora conseguito una sistemazione definitiva.
Ne segue la sua collocazione al centro di un dibattito molto intenso, in cui ancora poche sono le certezze.
Analizzare il rapporto tra i due organismi di controllo, approfondire le principali tematiche sorte negli ultimi anni, valutare l’impatto della recente riforma, significa passare sotto la lente d’ingrandimento un vasto mondo di considerazioni e contraddizioni giuridiche ed economico aziendali.
Il compito, certamente arduo, ma non impossibile, ha rappresentato per me motivo di notevole riflessione sulle principali tematiche degli ultimi anni, che hanno coinvolto in modo particolare le società quotate, quali il corretto funzionamento dei mercati, l’informativa societaria, la tutela delle minoranze ed il principio della trasparenza, tutte racchiuse nella vasta problematica della Corporate Governance.
Nel rimandare ai capitoli che seguono, per una più puntuale disamina delle problematiche e delle soluzioni prospettate, anticipo che ho ritenuto opportuno approfondire, anche per una esposizione più completa e dettagliata, alcuni punti fondamentali dell’evoluzione storica dell’istituto del collegio sindacale e le critiche di cui è stato oggetto nel tempo ; ciò potrà aiutare a comprendere meglio la situazione in cui ci troviamo e quella in cui ci troveremo.
La parte storica non vuol essere una rappresentazione acritica del percorso seguito nell’adeguamento della normativa societaria, ma, al contrario, deve essere intesa come un tentativo di interpretazione dei momenti essenziali della nostra disciplina societaria o, meglio, del processo di formazione delle prospettive che andavano delineandosi.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE Il tema affrontato è oggetto da lunghi anni di acceso dibattito, reso più vivace da avvenimenti, piuttosto recenti, che hanno dato adito a porre in discussione l’efficacia dell’attuale sistema dei controlli societari, in particolar modo nelle società quotate. Quali i doveri del collegio sindacale e della società di revisione e quali responsabilità derivano dal mancato rispetto di essi ? Con quali poteri sindaci e revisori esterni esercitano le loro rispettive funzioni ? Sono domande che richiedono risposte elaborate, lunghi momenti di riflessione, prima di azzardare una risposta. Sull’argomento ho avuto modo di esprimermi più volte nel corso della trattazione, anche in considerazione dell’applicazione nel nostro Paese della riforma <<Draghi>>, nell’ambito della quale ho tentato di evidenziare pregi e difetti, al fine di porre in risalto un quadro più chiaro delle attribuzioni dei due organi di controllo. Si tratta di un tema che, a tutt’oggi, non sembra avere ancora conseguito una sistemazione definitiva. Ne segue la sua collocazione al centro di un dibattito molto intenso, in cui ancora poche sono le certezze.

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Vincenzo Dimonaco Contatta »

Composta da 241 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8336 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 33 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.